Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lampedusa chiede alla regione sicilia un consiglio straordinario


Lampedusa chiede alla regione sicilia un consiglio straordinario
09/04/2011, 09:04

"Dopo tutto quello che è stato detto e fatto, ci auspichiamo che la giunta regionale si riunisca straordinariamente a Lampedusa per fare il punto complessivo sui risultati dell'attività dopo 15 giorni di presenza di quasi tutti gli assessori regionali con in prima fila il presidente Lombardo e l'assessore Gian Maria Sparma". Lo afferma l'assessore alla programmazione e allo sviluppo economico di Lampedusa, professore Pietro Busetta in merito ai provvedimenti annunciati dall'assessore alle Attività Produttive Marco Venturi, ieri a Lampedusa.
Tra questi una linea di garanzia sul credito per gli imprenditori, la proroga della scadenza del bando Fesr per la ricettività turistica (con una quota riservata solo a iniziative con sede nell'isola), l'immediata erogazione del contributo già stanziato dalla giunta per i pescatori, inserimento nel prossimo bando per l'incremento delle aree artigianali di Cala Pisana e in finanziaria di una norma per creare a favore di tutte le attività produttive dell'isola una linea di garanzia per intervenire sulle scoperture bancarie e le aperture di credito e infine la proposta di inserire anche Lampedusa tra i territori che rientreranno nella 'Zona franca per la legalità, con facilitazioni per far crescere il tessuto imprenditoriale come la fiscalità di vantaggio. "Durante la giunta - conclude Busetta - si faccia il resoconto ai lampedusani del grande impegno riservato ai problemi dell'isola dalla Regione. Stesso trattamento ci si aspetta dal governo nazionale in materia di compensazioni perché nessuno possa affermare che a Lampedusa si è fatta solo passerella, cosa che l'amministrazione non crede in maniera assoluta. Si faccia così in modo che lampedusani siano compensati per i grandi danni subiti e siano gratificati per l'immensa capacita che hanno dimostrato di funzionare da cuscinetto, per oltre due mesi, e dovranno continuare ad avere fino a quando non si sarà riusciti a mettere a punto una politica sull'immigrazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©