Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

LAMPEDUSA, SBARCHI A RAFFICA


LAMPEDUSA, SBARCHI A RAFFICA
27/12/2008, 16:12

Dopo due giorni di continui sbarchi di immigrati, il Centro di permanenza temporanea di Lampedusa è in emergenza e già nel pomeriggio alcuni degli ospiti verranno trasferiti.
 

E' quanto ha riferito a Reuters la prefettura di Agrigento.

"Gli ospiti sono 1.507, è previsto il trasferimento oggi di 190 in altre destinazioni", ha detto una portavoce della prefettura a proposito del Cpt di Lampedusa, strutturato per accogliere circa la metà degli attuali ospiti.

Il ministro dell'Interno Roberto Maroni fa sapere in una nota di aver chiesto alla Farnesina di intervenire "nei confronti delle autorità libiche in relazione all'ondata di sbarchi", aggiungendo che della questione è informato anche il premier Silvio Berlusconi.

Secondo la capitaneria di Porto di Palermo, sono state probabilmente le migliorate condizioni del tempo e del mare a favorire la serie di sbarchi. Oltre ai 1.049 giunti ieri a mezzogiorno, altri 80 sono arrivati in serata, seguiti da una motovedetta della guardia di finanza.

"Nella mattinata (di oggi) sono giunti altri 247, seguiti da due motovedette della guardia costiera", ha spiegato a Reuters Francesco Galipò, caporeparto operativo della direzione operativa della capitaneria di porto di Palermo.

"Un ulteriore sbarco è in vista a largo di Lampedusa, con una settantina di persone su un'imbarcazione, seguito da una nave della marina militare, mentre un altro a ponente delle isole Egadi, con una quindicina di persone in arrivo vede impegnata una motovedetta della guardia costiera. E ce ne sono altri che si stanno verificando", ha aggiunto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Fredrik Chopin, nato in Polonia, a Zelazowa Wola e morto a Parigi.
Marlene Dietrich, nata a Shoneberg, in Germania e morta a Parigi.
Thabo Mbeki, attuale Presidente del Sudafrica, rientrato dopo aver trascorso 28 anni di esilio nel Regno Unito.
Milan Kundera, scrittore. Partecipò al movimento La Primavera di Praga e per questo gli fu tolta la cittadinanza cecoslovacca. Si rifugiò in Francia, dove ancora oggi vive.
Isabel Allende. Dopo il colpo di stato di Pinochet dell'11 settembre 1973, lascia il Cile e si trasferisce a Caracas, in Venezuela.
Vaira Frike-Freiberga, figlia di profughi lettoni, è ritornata in Lettonia nel 1998 ed è stata eletta Presidente della Repubblica lettone nel 1999 e nel 2003.