Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Venne comprata per meri fini elettorali

Lampedusa: sempre più in rovina la villa di Berlusconi


L'ingresso della villa in una foto di archivio
L'ingresso della villa in una foto di archivio
28/08/2012, 09:01

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) - Chi ricorda Silvio Berlusconi a Lampedusa il 30 marzo 2011? Andò sull'isola siciliana in piena crisi immigrati, per calmare una popolazione inferocita, a causa dell'insipienza del suo governo che aveva intasato l'isola creando numerosi problemi. E tra la promessa di creare un campo di golf (chi conosce l'isola sa che è una distesa di rocce) e quella di creare posti di lavoro, annunciò che aveva comprato casa ed era diventato quindi un lampedusano. In realtà l'acquisto venne finalizzato solo tre mesi dopo, nel giugno del 2011. Venne acquistata una villa, chiamata Due Palme, per meno di 2 milioni di euro. 
Ma non è stata certo in cima ai pensieri del premier, la villa. Che da 14 mesi non vede arrivare nessuno: nè il premier nè suoi dipendenti.  E, trattandosi di una abitazione vicino al mare, la salsedine sta velocemente danneggiando le strutture esterne della villa. Il tutto nell'indifferenza anche della popolazione lampedusana. Che ha creduto all'ex premier quando si presentò 18 mesi fa ad automagnificarsi e a fare le solite promesse mai mantenute, ma che adesso alza le spalle e se ne disinteressa. Almeno un posto di lavoro in villa è stato conservato: quello del giardiniere. Che è lo stesso da anni.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©