Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

LAMPEDUSA: SINGOLARE PROTESTA ANTI-IMMIGRAZIONE CLANDESTINA


LAMPEDUSA: SINGOLARE PROTESTA ANTI-IMMIGRAZIONE CLANDESTINA
02/08/2008, 18:08

Uno sciopero della fame in mare a bordo di un gommone, fino a quando non verrà trovata una soluzione definitiva al problema dell'immigrazione clandestina. Angela Maraventano, senatrice della Lega Nord e vicesindaco di Lampedusa (Agrigento), ha iniziato oggi la protesta, annunciata già nei giorni scorsi. Dopo l'incalzare degli sbarchi che in questi ultimi giorni hanno portato sull'isola oltre mille clandestini, la seconda cittadina di Lampedusa si è detta esausta ed ha chiesto al Ministro dell'Interno Roberto Maroni di recarsi sull'isola per verificare in prima persona la drammaticità della situazione. Pieno appoggio all'iniziativa da parte del sindaco isolano, Bernardino de Rubeis, che ha chiesto al Governo di controbilanciare le spese vive che i lampedusani quotidianamente affrontano a causa dell'emergenza sbarchi: dal sistema fognario, spesso in tilt soprattutto quando il centro di accoglienza è al collasso, al ritorno mediatico negativo per l'isola,  autentica perla del Mediterraneo. De Rubeis ha chiesto contributi speciali ed una legge ad hoc per la sua isola.
.

Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Fredrik Chopin, nato in Polonia, a Zelazowa Wola e morto a Parigi.
Marlene Dietrich, nata a Shoneberg, in Germania e morta a Parigi.
Thabo Mbeki, attuale Presidente del Sudafrica, rientrato dopo aver trascorso 28 anni di esilio nel Regno Unito.
Milan Kundera, scrittore. Partecipò al movimento La Primavera di Praga e per questo gli fu tolta la cittadinanza cecoslovacca. Si rifugiò in Francia, dove ancora oggi vive.
Isabel Allende. Dopo il colpo di stato di Pinochet dell'11 settembre 1973, lascia il Cile e si trasferisce a Caracas, in Venezuela.
Vaira Frike-Freiberga, figlia di profughi lettoni, è ritornata in Lettonia nel 1998 ed è stata eletta Presidente della Repubblica lettone nel 1999 e nel 2003.