Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ex presidente si difende dalle accuse diffuse dai giornali

Landi:"Sono totalmente estraneo al fallimento di Eutelia"


Landi:'Sono totalmente estraneo al fallimento di Eutelia'
12/07/2010, 16:07

Apprendo presunti capi di accusa solo dalla stampa in quanto ancora nessuna notifica ne' a me ne' al mio avvocato è stata fatta. Secondo quanto leggo farei parte dell'organizzazione Omega che poi ha acquisito Agile portandola infine al fallimento.

Pur non avendo ancora letto alcun atto in quanto inesistente, posso senza alcun dubbio affermare che:
1)Non ho mai avuto contatti, ne' telefonato o ricevuto telefonate dai soggetti di Omega;
2)Non ho mai intrattenuto conversazioni, ne' inviato o ricevuto email/fax/telegrammi/lettere con i medesimi di cui sopra;
3)Li ho incontrati una sola volta in occasione della firma della cessione di Agile ad Omega, cessione deliberata dal CDA di Eutelia, atto peraltro quest'ultimo sul quale mi sono astenuto essendo contrario alle modalita' con le quali e' stata condotta la cessione (non a caso dopo questa vicenda mi sono allontanato volontariamente dalla societa' Eutelia);
4)Si parla di distrazioni nella gestione Agile quando NON ero assolutamente presente nella società;
5)Non ho mai ricevuto ne' fatto pagamenti a loro od aziende a loro correlate.

Mi domando come avrei potuto accordarmi per la presunta frode non avendo rivestito alcun ruolo nel nuovo assetto societario ed essendo poco dopo uscito da tutte le cariche sociali che rivestivo in Eutelia.
Vorrei fare inoltre chiarezza sul famoso blitz di novembre. In quell'occasione, contro ogni suggerimento che mi diceva di non espormi, ho ritenuto invece opportuno tentare di liberare la sede Eutelia di Roma dagli occupanti (membri dei centri sociali) che da oltre 2 mesi la occupavano impedendo ai lavoratori di entrare e svolgere la propria attività lavorativa. Vorrei ricordare che in Italia occupare una proprietà privata questo sì è un reato, ma nessuna autorità ha ritenuto necessario intervenire.... Un atto di generosità che ho pagato caro. Questo tentativo, strumentalizzato dai sindacati e da buona parte della stampa, viene ora utilizzato dalla magistratura come capo di accusa nei miei confronti laddove si afferma “ ha compiuto un blitz in modo sprezzante...”
Ebbene, nonostante il caro prezzo pagato ritengo di aver fatto la cosa giusta nel tentativo di salvaguardare il futuro lavorativo dei miei dipendenti come ritengo che anche Isacco Landi e Leonardo Pizzichi abbiano sempre lavorato nell'interesse più pieno della società Eutelia per la sua crescita ed il suo successo prima e per la sua salvezza dopo, avendo anteposto sempre le ragioni del buon andamento aziendale ad un personale facile arricchimento. La storia dell'azienda che ho fondato ne è dimostrazione: quando mi si accomuna a gente a cui non interessa del futuro dei lavoratori, vorrei ricordare a tutti, come nel 2006 fui il fautore dell' insourcing di tutti quei posti di lavoro che erano affidati esternamente e feci rientrare dalla cassa integrazione 200 persone ed evitai quella già organizzata ad altri 800. Vi ricordate come erano tutti motivati e la produttività ricresciuta ad un livello impensabile? Tutti c'abbiamo creduto che fosse possibile solo perché era vero. Certo non si facevano grandi guadagni visto i costi più alti dell'esterno, ma il rispetto umano condiviso anche da tutti gli altri membri della famiglia aveva guidato le nostre azioni molto più del puro business, pensando che fare del bene ci sarebbe tornato indietro positivamente anche come azionisti. Così per adesso non è stato ma alla fine lo sarà!

Oggi siamo accusati di essere ladri quando ladri non siamo, di essere sprezzanti per le persone quando mettiamo le persone al primo posto in tutte le cose che facciamo, direte come sia possibile una tale situazione per certi aspetti kafkiana? Per me il disegno è chiaro. Alcuni Landi sono ancora gli azionisti di maggioranza e siccome qualcuno vuole prendersi la rete dal fallimento, facciamo passare che è tutta colpa loro, che loro sono i ladri, in modo che non possano fare ricorsi al commissariamento, li mettiamo tutti dentro così si arrenderanno no? La relazione dei commissari pur nell'intento negativo, dice in sostanza che la società non era insolvente producendo 800k di cassa al mese e se non ci fossero i debiti tributari (integralmente inventati come da mie documentate denunce) sarebbe in perfetto equilibrio marginale.

Nel frattempo il fatturato con un solo mese di gestione dei commissari è sceso del 35%, sia a a causa di non conoscenza del business che per evidente irresponsabilità nel tenere i clienti letteralmente mandati a quel paese da gente che è mandata lì solo a far fallire e far comprare all'acquirente già pronto la rete senza dipendenti per 2 soldi che vi ricordo vale 400 milioni di Euro!

Azionisti non fatevi rubare i vostri soldi da questa “cricca” affaristica e ai dipendenti Eutelia dico lo stesso non fatevi rubare il posto di lavoro, la rete la vogliono senza di voi!

Samuele Landi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©