Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mentre la PC continua a giudicare agibili case inagibili

L'Aquila: crolla il soffito di una casa "agibile", due feriti


L'Aquila: crolla il soffito di una casa 'agibile', due feriti
01/01/2010, 20:01

L'AQUILA - Non finisce in Abruzzo lo scandalo delle case prima dichiarate inagibili che poi miracolosamente diventano agibili. Questa volta tocca ai civici 10 e 11 di via Verzieri a Preturo, in provincia di L'Aquila. Gli abitanti di questi due edifici sono alloggiati negli appartamenti C.A.S.E. costruiti dal governo, almeno quei pochi che sono stati finiti, in quanto le loro case sono state definite inagibili, classificate come "E", cioè gravemente lesionate. Improvvisamente è stata cambiata la classificazione in "A", grazie ad una relazione dell'Ater, fatta per conto della Protezione Civile, nella quale c'è scritto che sì, la casa è lesionata, ma tutto sommato resiste in piedi e quindi ognuno può tornare a casa sua. Per questo è stato predisposto un decreto di revoca dello sgombero dei due edifici, che deve essere firmato dal SIndaco di L'Aquila. Cosa per la quale i cittadini interessati hanno inviato una lettera aperta a Massimo Cialente, sindaco di L'Aquila, invitando a non firmare quel decreto.
La richiesta è ben motivata, visto quanto è successo a Pratola Peligna, un Comune in provincia di L'Aquila. Verso le 19.30 dell'ultimo dell'anno una coppia, che abita in una di queste case prima dichiarate inagibili e poi riclassificate "A" senza alcun intervento di sostegno, mentre stava andando a letto, è stata travolta dai pezzi di soffitto che sono caduti e sono rimasti ambedue feriti. Lei ha riportato solo qualche graffio, ma lui è stato ferito più seriamente, con una prognosi di 20 giorni.  I due avevano già fatto presente, a chi di dovere, che erano visibili fratture e lesioni, sulle colonne di sostegno e sui muri interni. Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco per accertare le cause del crollo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©