Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Proseguono le indagini sugli edifici crollati

L'Aquila, inaugurata la prima aula tenda. Il premier: "Nelle case entro l'estate"


.

L'Aquila, inaugurata la prima aula tenda. Il premier: 'Nelle case entro l'estate'
16/04/2009, 21:04

A dieci giorni dal devastante terremoto che ha causato finora 295 morti si registrano i primi segni di ripresa. Oggi il premier Silvio Berlusconi e il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini hanno inaugurato la prima aula-tenda a Poggio Picenze, a pochi chilometri da L’Aquila, dove i ragazzini potranno riprendere le lezioni in attesa che siano disponibili le strutture scolastiche. “La riapertura della scuola, - ha detto il ministro Gelmini, - è un piccolo segnale fortemente positivo di ritorno alla normalità. Da lunedì riapriranno tutte le scuole risultate agibili”.

Il Cavaliere, nella sua visita agli sfollati, si è lasciato andare una promessa forse azzardata: case pronte in quattro mesi. Entro la fine dell’estate, ha detto il premier, i cittadini che hanno perso la casa nel terremoto potranno lasciare le tende per rimettere piede in abitazioni vere e proprie.

Il bilancio dei morti è intanto salito a 295. Ultima vittima accertata, il diciannovenne Tonino Colonna, che era stato trasportato con elisoccorso all’ospedale Forlanini di Roma nelle ore successive al sisma. Il giovane è deceduto per le ferite riportate.

Le inchieste sugli edifici crollati. Saranno ascoltati nelle prossime ore i costruttori di alcuni degli edifici che sono crollati in seguito al sisma, a partire da quelli già posti sotto sequestro per ordine della magistratura de L’Aquila che ha aperto un’inchiesta. La Guardia di Finanza si sta predisponendo a un monitoraggio delle società che potrebbero essere interessate alle opere di ricostruzione, al fine di eseguire tutti i necessari controlli per evitare infiltrazioni. Allo stesso scopo il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso ha annunciato la costituzione di una task force per aiutare la procura de L’Aquila.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©