Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'Aquila: le pastoie burocratiche per non dare i soldi ai terremotati


L'Aquila: le pastoie burocratiche per non dare i soldi ai terremotati
04/08/2009, 12:08

Sono quattro mesi che sentiamo tutti i giorni, a reti e giornali unificati, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che promette di risolvere a tempo di record tutti i problemi delle persone colpite dal terremoto in Abruzzo. Abbiamo anche visto come ormai da quelle parti la situazione è militarizzata, al punto che non è possibile esprimere alcuna forma di dissenso per i disagi che gli sfollati stanno subendo, senza trovarsi addosso agenti di Polizia che minacciano o peggio.
Quello che non avevamo visto era invece la truffa - difficile definirla diversamente - fatta dal governo contro i terremotati. Infatti a parole sono stati finanziari tra i 250 e i 300 milioni per le riparazioni degli edifici definiti "lesionati di livello A e di livello B", cioè con danni non eccessivi. In realtà sono arrivati - in ritardo - solo 20 milioni. In più sono riservati a quegli edifici dove il proprietario deve essere anche residente. Per intenderci, questo esclude tutti coloro che per esempio hanno la casa in usufrutto perchè i genitori hanno la nuda proprietà. Oppure colui che non abita a casa sua perchè magari assiste il padre o la madre malata lungodegente a casa. Infine per iniziare i lavori - e quindi avere i rimborsi - c'è bisogno di una serie di perizie. Che però sono descritte in maniera così vaga e nebulosa che gli ingegneri sono restii a farle, perchè non sono sicuri di iniziare poi i lavori. E quindi in questo caso pagherebbero le ditte.
E nel frattempo, in tanta incertezza, gli sfollati stanno nelle tende, senza condizionamento, con i bagni chimici. E soprattutto, col divieto per i giornalisti di entrare nel campo a girare liberamente e documentare quello che avviene. E per esserne sicuri, se un giornalista va là e gli concedono di entrare, mettono alle calcagne del cameraman un soldato, in modo da tenere sotto pressione gli sfollati.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©