Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Visitabile entro la fine del 2013

L'Aquila: rinasce il Museo Nazionale d'Abruzzo

Iniziati i lavori nei locali dell'ex Mattatoio

L'Aquila: rinasce il Museo Nazionale d'Abruzzo
20/06/2012, 18:06

L'AQUILA - ''Oggi si festeggia la nascita della nuova sede del Museo Nazionale d'Abruzzo nei locali dell'ex Mattatoio. L'impresa che realizzera' i lavori e' stata selezionata, il cantiere e' gia' operativo e i lavori termineranno nel 2013''. Con queste parole il direttore regionale dei Beni culturali dell'Abruzzo, Fabrizio Magani, presenta il cantiere nei locali dell'ex Mattatoio dell'Aquila, dove entro la fine del 2013, sul progetto realizzato da Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, nascera' il nuovo Museo Nazionale d'Abruzzo, dopo che il sisma del 6 aprile 2009 ha fortemente danneggiato la Fortezza Spagnola dove il museo aveva sede. Una volta pronti, i locali dell'ex Mattatoio, edificio di archeologia industriale dei primi del '900 che verranno ''migliorati sia dal punto di vista architettonico -spiega Magani- sia da quello antisismico, ospiteranno una parte, circa 150 opere tra dipinti, ceramiche e oreficeria, dell'originale collezione del museo''. Magani ipotizza anche l'apertura gratuita del museo, almeno ai cittadini dell'Aquila. L'intervento si inserisce nel quadro delle iniziative sostenute da Mumex, il progetto Poli museali di eccellenza nel Mezzogiorno (per un totale di circa 400 milioni di euro), promosso dal Mibac e dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica (Dps), con un finanziamento di 5 milioni per la realizzazione del nuovo museo aquilano.
 Parallelamente, con circa 5 milioni di euro dei fondi ordinari del Mibac, parte il restauro della Fortezza
Spagnola. Un primo passo per il recupero completo dello storico edificio, ''il cui costo -spiega il segretario generale del ministero, Antonia Pasqua Recchia- e' di 25 milioni''. Il nuovo museo ''e' un primo tassello -afferma il ministro dei Beni culturali, Lorenzo Ornaghi, in un messaggio per l'occasione- per la realizzazione di una rete museale la cui centralita' sara' sempre nel Forte Spagnolo, prestigiosa e naturale sede del Museo Nazionale d'Abruzzo''. ''Tutto quello che si fa per L'Aquila -aggiunge Recchia all'Adnkronos a proposito del nuovo museo- ha il segno del dovuto ristoro. Il tempo che e' passato e' un tempo colpevole per tutti quelli che avrebbero dovuto fare e non hanno fatto. Questa partenza e' significativa ed e' un intervento che in 18 mesi dara' alla citta' il suo museo e una riqualificazione urbana che non e' da sottovalutare''. ''Oggi per noi e' un giorno importante -afferma Domenico Arcuri, di Invitalia - perche' finalmente possiamo dire di cominciare a costruire il presente e non piu' di ipotizzare di costruire il futuro''. ''Il nostro obiettivo -aggiunge Arcuri- e' ancora una volta quello di assicurare, partendo da un polo museale, una crescita e uno reale sviluppo del territorio'', con un progetto che concepisce il museo ''non solo come spazio di conservazione ed esposizione, ma anche come luogo di incontro, di elaborazione e di scambio di esperienze, aperto ai cittadini aquilani, alle scuole, all'universita', agli enti e alle associazioni culturali''.

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©