Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Il sindaco specifica: nessun obbligo di rientrare

L'Aquila, sono agibili 307 edifici, continuano i sopralluoghi


L'Aquila, sono agibili 307 edifici, continuano i sopralluoghi
28/04/2009, 18:04

A sopralluoghi ultimati, risultano essere 307 gli edifici ancora agibili a L’Aquila. Il sindaco Massimo Cialente ha emanato un avviso con l’elenco delle strutture che non hanno riportato seri danni con il terremoto e che quindi possono essere nuovamente utilizzate. Malgrado ciò, però, non è previsto nessun obbligo: con la paura ancora viva, e con lo sciame sismico ancora attivo, infatti, nessuno sarà forzato a rientrare nella propria abitazione. Per i 307 edifici non vale quindi l’ordinanza che il sindaco aveva firmato l’8 aprile, dichiarando inagibile tutto il patrimonio edilizio dell’intero territorio comunale. Nell’avviso Cialente specifica che “il rientro nelle abitazioni non è obbligatorio, ma è lasciato alle decisioni che ciascun cittadino vorrà assumere”.

L’elenco è stato compilato al termine dei sopralluoghi effettuati dalle squadre di tecnici coordinati dalla Protezione Civile. Nei prossimi giorni, con i rilievi che continuano, saranno pubblicati gli elenchi degli altri edifici che possono essere utilizzati. “I cittadini interessati possono fare immediato rientro nelle proprie abitazioni, - spiega il sindaco, - l’elenco costituisce atto di formale comunicazione dei risultati dei sopralluoghi delle agibilità, non riveste il carattere di ordinanza e pertanto non rappresenta un obbligo immediato di rientro nelle abitazioni”. L’elenco è stato pubblicato sul sito del Comune

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©