Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'area Giuglianese dove la legge e le regole non vengono rispettate e nessuno le fa rispettare. Non pagare le tasse?


L'area Giuglianese dove la legge e le regole non vengono rispettate e nessuno le fa rispettare. Non pagare le tasse?
16/12/2010, 20:12

 

VENITE NELLA ZONA GIUGLIANESE DOVE LE LEGGI E LE REGOLE DEL VIVERE CIVILE NON SONO RISPETTATE E COLORO I QUALI DOVREBBERO FARLE RISPETTARE NON SI FANNO VEDERE.

PERCHE' TUTTO CIO'?


 

di Raffaele Pirozzi


 


 

L'area Giuglianese, composta da circa 360.000 abitanti, è lasciata in balia di se stessa perchè le leggi e le regole del vivere civile non sono minimamente rispettate e coloro i quali dovrebbero farle rispettare o sono assenti o sono rintanati nelle stanze, al calduccio d'inverno ed al fresco d'estate!

I cittadini pensando che esiste una legge hanno un solo diritto: Pagare., Pagare e poi Pagare.

Pagare per mantenere una Stato dove le Istituzioni non fanno il loro dovere.

Prendiamo il caso dei Vigili Urbani dell'intera area Giuglianese: oltre allo stipendio, loro dovuto per espletare il lavoro, pretendono di avere in aggiunta altre risorse finanziarie in casi si richieda il loro intervento; eppure non fanno minimamente il loro dovere; nessuno interviene e noi cittadini siamo abbandonati a noi stessi .

Nessun amministratore, dopo aver scelto il Comandanti dei Vigili Urbani, si preoccupa di verificare quello che fanno ed i cittadini dell'area Giuglianese affondano inesorabilmente nel caos e nel disordine viario senza avere il servizio per cui pagano!!!!!!!

Resta una sola chance ai poveri bistrattati cittadini: Contattare un Avvocato ed iniziare un'azione legale per non pagare più i contributi agli Enti locali ed allo Stato per servizi inesistenti.

E' questol'unico modo di uscire da una situazione che vede i “furbi” appropriarsi della Cosa Pubblica senza che i cittadini possano difendersi.

Questa situazione è comune nell'intera regione Campania ma è più grave nella provincia di Napoli.


 


 


 

Commenta Stampa
di Raffaele Pirozzi
Riproduzione riservata ©