Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Al via i controlli della tracciabilità dei rifiuti speciali

L’Asl Napoli 2 Nord aderisce al Sistri


L’Asl Napoli 2 Nord aderisce al Sistri
07/12/2010, 14:12

POZZUOLI (NA) -  In Italia la quantità di rifiuti speciali prodotti nel 2006 è stata pari a 134,7 milioni di tonnellate, di cui 125,5 milioni di tonnellate di rifiuti non pericolosi e 9,2 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi. I rifiuti sanitari, sebbene prodotti in quantità inferiori rispetto agli altri rifiuti, sono quelli ad elevato impatto ambientale poiché si tratta il più delle volte, di rifiuti pericolosi a rischio infettivo. Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica, diretto dal dottor Armando Orlando del Dipartimento di Prevenzione di Quarto dell’ASL Napoli 2 Nord,  ha organizzato nei giorni 6 e 7 e ancora per il 13 e 14 dicembre, un corso di formazione ECM per la corretta gestione delle diverse tipologie di rifiuti e per la classificazione degli stessi rifiuti prodotti nell’ambito sanitario, secondo il Sistema di controllo della Tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). Il percorso formativo diretto a 60 delegati SISTRI e 30 operatori dei distretti, si terrà presso il Centro di Formazione aziendale di via Campana n.268, Pozzuoli e sarà articolato in 4 edizioni.
Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con il Decreto del 17 dicembre 2009 e s.m.i., ha istituito il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti denominato SISTRI per il controllo della movimentazione dei rifiuti speciali lungo tutta la filiera. Il SISTRI (Sistema di controllo della Tracciabilità dei rifiuti) consente di seguire passo dopo passo, attraverso l’ausilio di un sistema satellitare GPS, il percorso dell’intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania dalla fase produttiva allo smaltimento nelle discariche.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©