Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tar condanna Ponzoni (PdL) a demolire edifici abusivi

L'Assessore all'Ambiente lombardo deturpa l'ambiente


L'Assessore all'Ambiente lombardo deturpa l'ambiente
04/02/2009, 09:02

L'Assessore all'Ambiente della regione Lombardia, Massimo Ponzoni, uno dei giovani rampanti di Forza Italia (solo 34 anni, che è quasi un record per un politico in Italia) è stato condannato dal TAR Lombardia alla demolizione di due villette abusive edificate su suolo agricolo a Cesano Madreno, in Brianza. Una, intestata alla moglie (ma abitata dallo stesso Assessore, secondo alcuni testimoni; circostanza poi smentita da Ponzoni) non avrebbe neanche potuto essere costruita; l'altra, abitata dai cognato e dalla suocera dell'Assessore, è stata ampliata oltre i limiti di legge. La Giunta di Cesano Maderno ne ordinò la demolizione, ma l'Assessore e i suoi familiari hanno fatto ricorso al TAR, che non solo ha respinto il ricorso e condannato i ricorrenti al pagamento delle spese processuali (cosa che di solito indica che il ricorso era infondato, evidentemente privo di quasiasi base legale; insomma, una pura perdita di tempo strumentale), ma ha anche disposto il trasferimento degli atti alla Procura della Repubblica, in quanto si sospetta che gli atti e le dichiarazioni portate a supporto del ricorso siano falsificati o manomessi. E, se così fosse, ci sarebbe un altro reato in corso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©