Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Insieme a lui, altre 6 persone coinvolte in una truffa

Latina: arrestato consigliere regionale del Pdl


Latina: arrestato consigliere regionale del Pdl
25/10/2010, 14:10

MINTURNO (LATINA) - Scoperta una truffa nella raccolta e gestione dei rifiuti a Minturno, comune in provincia di latina. Questa mattina la Guardia di Finanza ha arrestato il consigliere regionale Romolo Del Balzo, presidente della Commissione regionale Lavori Pubblici e Casa, ed altre 6 persone. L'accusa è associazione a delinquere finalizzata alla frode in appalto pubblico e alla truffa. In base a quanto è stato accertato, Del Balzo, proprio per la sua carica in Regione, favoriva la società Ego-Eco, amministrata da Augusta Ciummo e Anna Romano, anche loro arrestate. Gli altri quattro sono Michele Camerata, impiegato del Comune; Giuseppe Papa, dirigente del servizio ambiente dell'amministrazione comunale; Liberato De Simone e Gerardo Ruggeri, dipendenti della società e responsabili delle aree di stoccaggio dei rifiuti a Minturno. La società a sua volta si guardava bene dal raccogliere e stoccare secondo la legge i rifiuti, ma adottava procedure meno legali ma più economiche, in modo da a vere un guadagno maggiore.
Naturalmente non potevano mancare le reazioni politiche, a cominciare da quella della Governatrice del Lazio, Renata Polverini: "E' inutile dire che ci auguriamo che il fatto non sussista. In ogni caso non credo che oggi sia opportuno esprimersi. Siamo fiduciosi nella magistratura, attendiamo di capire di cosa stiamo parlando". Più incerta quella del Sindaco di Roma, Gianni Alemanno: "Non posso esprimere un giudizio. Si tratta di un territorio lontano dalle mie competenze. Mi auguro che la magistratura faccia chiarezza e che Del Balzo ne possa uscire bene".
Chiede invece le dimissioni del Consigliere regionale il suo collega dell'Italia dei Valori, Vincenzo Maruccio: "Come in ogni vicenda giudiziaria, anche per l'inchiesta che ha portato all'arresto del consigliere regionale del Pdl Romolo Del Balzo, aspettiamo con il massimo rispetto gli esiti del lavoro della magistratura e i provvedimenti che ne scaturiranno. Sul piano politico ci aspettiamo che il consigliere faccia luce quanto prima sulla vicenda e non cerchi scorciatoie per sottrarsi all'indagine. Dal punto di vista dell'opportunità, sarebbe il caso che, per salvaguardare se stesso e l'istituzione che rappresenta, il consigliere Del Balzo facesse un passo indietro rispetto agli incarichi che ricopre".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©