Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Latitante del clan di Lauro catturato in provincia di Parma


Latitante del clan di Lauro catturato in provincia di Parma
04/02/2012, 11:02

I Carabinieri del Nucleo Investigativo e del ROS di Napoli hanno catturato a Salsomaggiore Terme (PR) il latitante Antonio Petrozzi, 44 anni, affiliato al clan camorristico dei “Di Lauro”, operante nell’area Nord del capoluogo campano, inserito nell’elenco dei 100 ricercati più pericolosi d'Italia.
L'uomo è un elemento di spicco del traffico di stupefacenti, cocaina, eroina e hashish per conto dei Di Lauro e sfuggiva all’esecuzione di un ordine di carcerazione emesso a suo carico nel 2009 per l’espiazione di 10 anni di reclusione per traffico internazionale e spaccio di stupefacenti.
I militari dell’Arma lo hanno individuato in una casa a 2 piani in via Parma di Salsomaggiore Terme che era stata presa in fitto dalla cognata e dove il latitante si era rifugiato insieme alla famiglia, la moglie e 2 figli maschi, di 17 e 11 anni.
Quando i Carabinieri questa notte hanno bussato alla sua porta tutta la famiglia non ha risposto al campanello, forse voleva far intendere che in casa non c’era nessuno, ma i militari vi hanno fatto irruzione trovando i suoi familiari al primo piano (CHE hanno detto che non avevano sentito il campanello e non sapevano dove fosse il ricercato).
Estendendo le ricerche a tutto l’edificio, al secondo piano i CC hanno invece trovato un appartamentino nascosto in una sorta di mansarda all’interno del quale si era rifugiato il latitante. Vistosi scoperto, l’uomo non ha opposto resistenza e si è lasciato ammanettare. Da ulteriori accertamenti è emerso che insieme alla famiglia si era rifugiato da tempo nel parmense e che stava quasi sempre chiuso in casa perché temeva di essere catturato mentre la moglie aveva preso a lavorare saltuariamente presso ristoranti o pizzerie della in zona e il figlio più grande andava a lavorare facendo il pizzaiolo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©