Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lavoratori Tess, primo giorno di preteste


Lavoratori Tess, primo giorno di preteste
15/04/2011, 11:04

“I lavoratori TESS Costa del Vesuvio S.p.A. hanno tenuto un’assemblea con le organizzazioni sindacali presso la sede della Società a seguito della proclamazione dello stato di agitazione. Alla riunione hanno partecipato Giovanni Nughes, segretario della Camera del Lavoro-Cgil di Napoli; Maria Vitolo, segretaria provinciale della FILCAMS-Cgil di Napoli; Pietro Ciotti, segretario regionale della CISL; Pietro Congemi, della segreteria della FISASCAT-Cisl. Al termine, i lavoratori hanno deciso di continuare lo stato di agitazione sotto forma di assemblea permanente. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni continueranno le iniziative di lotta tese a sensibilizzare le stituzioni e le forze politiche e sociali sulla vertenza dei lavoratori. In particolare, sarà reiterata la richiesta di incontro presso la Presidenza della Giunta Regionale della Campania (socio maggioritario di TESS); i lavoratori incontreranno i sindaci dell’area TESS e gli altri soci prima dell’assemblea prevista per il 29 aprile 2011 e la III Commissione Consiliare del Consiglio Regionale della Campania per illustrare i motivi della loro lotta. Inoltre, i dipendenti hanno chiesto al sindacato di evidenziare, al Tavolo per lo sviluppo convocato in Regione per il 18 aprile, la situazione di TESS. Queste azioni sono finalizzate ad avere risposte certe ed immediate circa la salvaguardia dei livelli occupazionali, il pagamento degli stipendi ormai non percepiti da 4 mesi e l’affidamento di nuove commesse nell’ambito della mission aziendale. I lavoratori di TESS ringraziano le organizzazioni sindacali, le forze politiche – di centrodestra e di centrosinistra – e i rappresentanti istituzionali che in queste ore stanno facendo pervenire importanti attestati di solidarietà.Così le lavoratrici e i lavoratori di Tess-Costa del Vesuvio, a nome dei rappresentanti sindacali Le RSA di Filcams-CGIL, Fisascat-Cisl. UILTucs, UGL.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©