Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le strutture sportive foriane umiliate dalla presenza dei camion della N.U.


Le strutture sportive foriane umiliate dalla presenza dei camion della N.U.
09/05/2011, 09:05

Dopo le nostre denunce giornalistiche l’area di travaso è stata spostata dal lungomare della Chiaia all’ingresso del Campo sportivo di Panza dove cresce l’indignazione e nottetempo è apparsa una scritta di colore bianco proprio nel piazzale dove quotidianamente si affollano i camion delle nettezza urbana e che recita: “Regine vai a travasare fuori casa tua, questo campo non è tuo”. Intanto i camion della nettezza urbana vengono vergognosamente parcheggiati o nel parcheggio del Palazzetto dello Sport o nel Campo sportivo di Forio: assurdo! Vito Iacono: “La cittadella dello sport di Forio è stata ridotta dall’amministrazione Regine a cittadella del degrado e dell’immondizia: che vergogna!”. E sulla sempre più precaria situazione della raccolta dei rifiuti a Forio, stasera su “Julie Italia” alle ore 22,30 circa nella trasmissione “L’Isola Verde” andrà in onda un lungo speciale con interviste ad alcuni cittadini di Forio e a Vito Iacono.

di Gennaro Savio*

Nei giorni scorsi con un dettagliato servizio giornalistico video, denunciammo l’assurda vergogna sociale del travaso dei rifiuti che a Forio avveniva per strada, sul rinomato lungomare della Chiaia, proprio all’ingresso del Paese e sotto lo sguardo attonito e allibito di migliaia e migliaia di turisti che nel mentre passeggiavano in cerca di panorami mozzafiato e di aria salubre, dovevano fare i conti con i rifiuti che venivano maciullati negli auto compattatori e con la nauseabonda puzza prodotta dalle operazioni di travaso mentre il percolato finito sul selciato faceva brutta e puzzolente mostra di se. Ebbene, dopo la nostra forte e puntuale denuncia giornalistica, l’Amministrazione comunale di Forio dopo che per mesi si è resa responsabile della vergogna del travaso dei rifiuti sul lungomare foriano, ha deciso in tutta fretta di lasciare il centro del Paese e di consentire le operazioni di travaso nel campo sportivo di Panza, proprio all’ingresso della frazione foriana e nei pressi della fermata del pullman utilizzata da turisti e residenti: assurdo! L’Amministrazione Regine ha deciso così di ammorbare un’area sportiva nella quale quotidianamente vi si recano ad allenarsi centinaia di giovani e bambini e questa scelta politica scellerata sta provocando non poca sdegno tra i residenti! Uno di questi dinanzi alle nostre telecamere ha voluto esprimere tutto il suo disappunto per le scelte fatte dagli amministratori di Panza e dal Sindaco Dott. Franco Regine. “Questo è il rispetto che i nostri Amministratori hanno per i nostri giovani, per i nostri nipoti. Forio fa parte ormai del quinto mondo, non del Terzo”.

Nottetempo, poi, è apparsa una scritta di colore bianco proprio nel piazzale dove quotidianamente si affollano i camion delle nettezza urbana e che mostra la crescente indignazione tra gli abitanti di Panza. “Regine vai a travasare fuori casa tua, questo campo non è tuo”.

Ma quello che ci chiediamo stupiti è questo. Come è possibile travasare i rifiuti all’ingresso di un Campo sportivo? Come è possibile consentire, in un Comune la cui economia si basa principalmente proprio sul turismo, il nauseabondo trasferimento dei rifiuti dai camion ai compattatori accanto a una fermata del pullman dove quotidianamente centinaia e centinaia di residenti e turisti attendono il bus? Ma dove sono le Autorità preposte al controllo e alla soppressione di queste vergogne sociali? E’ normale che si travasino i rifiuti per strada e che il percolato finisca sull’asfalto privo delle necessarie griglie e vasche di raccolta? Possibile che si debba assistere ad uno scempio del genere senza che nessuno muova un dito? Cosa si aspetta ad intervenire? Nelle prossime ore vedremo se qualcuno si adopererà per mettere fine a questo nuovo scempio. Intanto sul versante rifiuti l’altra vergogna sociale dell’ultima ora è rappresentata dal fatto che mancando di un’area di parcheggio ad hoc, l’Amministrazione comunale consente la sosta dei camion e degli auto compattatori utilizzati per la raccolta e il travaso dei rifiuti o nel parcheggio del Palazzetto dello Sport o nel Campo sportivo di Forio: assurdo! Nel parcheggio del Palazzetto dello Sport da un paio di anni sostano anche alcuni camion e vasche della nettezza urbana in disuso e in alcuni casi ricolmi di immondizie varie e a nulla sono valse sino ad oggi le denunce e le proteste dei residenti della zona per farli spostare. La decisione di far sostare i camion e gli auto compattatori nei parcheggi del Palazzetto dello Sport e del Campo sportivo di Forio stanno sollevando un vespaio di forti polemiche. Ad essersi dichiarato profondamente indignato per quanto sta accadendo a Forio, è stato Vito Iacono, Presidente del Forio Basket una delle Associazioni sportive locali che quotidianamente utilizzano il Palazzetto dello Sport. Per la cronaca, ricordiamo che l’assurda situazione venutasi a creare a Forio è dovuta all’incapacità dell’amministrazione Regine di riuscire ad individuare negli ultimi nove anni un’area di stoccaggio e di travaso dei rifiuti solidi urbani da attrezzare, naturalmente, in una zona interna, lontano dalle case e dai centri abitati. E così negli anni abbiamo vissuto l’assurdo e intollerabile girovagare da parte dell’azienda monnezzara da un Sito all’altro. Nel settembre 2008 a seguito del sequestro da parte della magistratura dell’area di stoccaggio di Cavallaro, L’Amministrazione Regine ebbe la “brillante” idea di consentire il travaso dei rifiuti nel parcheggio sovrastante la spiaggia di Citara nella zona alberghiera per antonomasia di Forio. Fu una scelta incredibile che indignò e non poco i turisti.

Poi l’area di stoccaggio fu creata nei pressi del Cimitero a ridosso delle case e a seguito delle proteste e delle denunce dei residenti il travaso dei rifiuti umidi veniva effettuato in giro per le strade del paese e in modo particolare nei pressi del Campo sportivo di Panza e all’ingresso del centro storico di Forio, accanto alla frequentatissima spiaggia della Chiaia: da non credere! Successivamente, con un altro colpo di genio, il travaso dei rifiuti fu spostato addirittura sullo stupendo e impareggiabile porto turistico di Forio dove lo scorso mese di agosto realizzammo il servizio di cui vedete le immagini.

Nei giorni scorsi, dopo il pietoso peregrinare per varie zone del Paese, si era ritornati a travasare i rifiuti per strada e in modo particolare sul lungomare della Chiaia. Il resto è triste cronaca di queste ore in cui l’area di travaso impesta il campo sportivo di Panza e, come ha dichiarato Vito Iacono “Quella che a Forio doveva rappresentare la cittadella dello sport ora rappresenta la cittadella del degrado e dei rifiuti”. Che vergogna!!! E sulla sempre più precaria situazione della raccolta dei rifiuti a Forio, stasera su “Julie Italia” alle ore 22,30 circa nella trasmissione “L’Isola Verde” andrà in onda un lungo speciale con interviste ad alcuni cittadini di Forio e a Vito Iacono.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©