Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo riferisce l'avvocato Giovanni D'Agata, dell'Idv

Lecce: Berlusconi indagato per la vicenda Alitalia?


Lecce: Berlusconi indagato per la vicenda Alitalia?
31/12/2010, 09:12

LECCE - Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sarebbe iscritto nel registro degli indagati del Tribunale di Lecce in merito alla vicenda Alitalia. A riferirlo è l'avvocato Giovanni D'Agata, componente del dipartimento tematico "Tutela del consumatore" dell'Idv e fondatore dello "Sportello dei diritti". Ma non c'è certezza, perchè la Procura di Lecce si è trincerata dietro un "no comment". L'indagine sarebbe partita da un esposto, presentato dall'ingegnere Francesco Toto, azionista Alitalia, rimasto pesantemente danneggiato dalle scelte fatte da Berlusconi.
Infatti, fu proprio l'intervento del premier a rovinare tutto. Nel marzo 2008 l'accordo era stato quasi completamente raggiunto: Air France si era impegnata ad acquistare Alitalia così come era, debiti compresi, per 300 milioni di euro e con 2100 esuberi, divenuti poi 1750 durante le trattative con i sindacati. Ma entrò in campo Berlusconi, promettendo che aveva trovato una cordata di imprenditori italiani disposti a rilevare la società aerea a prezzi più vantaggiosi e senza licenziare nessuno. A quel punto i sindacati gli credettero e la trattativa con Air France saltò. E quale fu il risultato? Che i 4 miliardi di debito non li ha pagati Air France ma i cittadini italiani; ci sono stato quasi 8000 esuberi, cioè quattro volte la cifra concordata; la società ora è gestita di fatto da Air France, che ha pagato 300 milioni per gestire (anche se ufficialmente è solo uno dei componenti dell'azionariato, ma è l'unica che abbia esperienza in questo campo) una società che ora non ha debiti e ha una serie di privilegi, come il monopolio della tratta italiana più redditizia, la Roma-Milano. Senza contare i "regali" - sotto forma di appalti o di privilegi di vario tipo - che il governo ha concesso ai 16 industriali italiani a cui l'Alitalia è stata regalata senza che versassero un solo euro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©