Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Legambiente: la campagna 1000 orti in citta' diventa realtà


Legambiente: la campagna 1000 orti in citta' diventa realtà
12/04/2011, 16:04

Graduatoria per la realizzazione di orti urbani in Campania , strumento concreto per la valorizzazione del territorio, contro la recessione, le sofisticazioni alimentari e lo stress Buonomo (Legambiente): “Ora la Campania diventi la regione d'Italia degli orti urbani” 17,18 e 19 giugno “Orti in festa”  Pontecagnano capitale internazionale dell'esperienze degli orti urbani Dopo due anni dal lancio della campagna di Legambiente di realizzare 1000 orti urbani in Campania attraverso una rete regionale, per rilanciare l'agricoltura di qualità, contro la recessione diventa realtà grazie al bando destinato ai comuni promosso dall' Assessorati regionali alle Politiche Sociali e Assessorato regionale all'Agricoltura. E' stato pubblicato la graduatoria di assegnazione ai comuni campani del finanziamento per la realizzazione di 1000 orti urbani nelle città campane. L'esempio del Parco Eco-Archeologico di Pontecagnano un tempo inaccessibile e a rischio vandalizzazione, dove Legambiente ha creato 50 orti di città, di 100 metri quadri affidati ognuno ad anziani in pensione. dove si coltiva con la tecnica dell'agricoltura biologica, melanzane, zucchine, peperoni, pomodori e dove gli orti didattici sono visitati da tantissime scuole provenienti da tutta la Campania, seguiti da quelli di Eboli e Succivo, anch'essi realizzati e gestiti da Legambiente, diventa ora esempio per centinaia di comuni. «Era il nostro sogno ed il nostro obiettivo – commenta Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania – quello di realizzare i primi 1000 orti urbani, nell'ambito di un grande programma cittadino di orti urbani, a partire dagli immensi spazi agricoli all'interno delle nostre città in modo da rilanciare un'agricoltura di qualità, gestita direttamente dai cittadino. Oggi quel sogno si concretizza con una evidente ricaduta ambientale, sociale ed economica.”  L'affidamento degli orti agli anziani è anche una risposta all'isolamento ed allo stress.  L'esperienza di Pontecagnano ha dimostrato che gli anziani che quotidianamente coltivano la terra, oltre a trasmettere la cultura della coltivazione in modo artigianale ai giovani, sono usciti dall'isolamento, non soffrono di depressione.  Gli obiettivi della campagna di Legambiente sono legati alla produzione, ma anche al miglioramento delle interrelazioni tra le persone, delle risorse naturali e del territorio, azioni per ridurre la quota personale di inquinamento e diminuire il senso di dipendenza dall'industria del cibo e tentando di cambiare il nostro modo di pensare ai risparmi energetici.  Un efficace sistema-prosegue Legambiente- per intervenire anche sulle situazioni di degrado e abbandono di molte zone delle città, per vivacizzare le zone parco particolarmente vocate all'agricoltura, per evitare il perdurante consumo di suolo e per incentivare i cittadini a frequentare di più le stesse aziende agricole campane. Dal punto di vista sociale la coltivazione amatoriale dell'orto può costituire una valida risposta al desiderio di sapere cosa si mangia, rappresentando, allo stesso tempo, un'opportunità per investire positivamente il proprio tempo libero, per stare all'aria aperta, per fare esercizio fisico producendo beni di consumo, per socializzare, uscendo dalla monotonia della routine cittadina. “Ora la Campania-conclude Buonomo – deve diventare la prima regione d'Italia degli orti urbani, una denominazione che vuole essere impegno e testimonianza per costituire una presenza ecologica ed ambientale, una strategia all'avanguardia per accorciare le filiere, combattere l'inquinamento, bloccare il consumo di suolo garantire sicurezza alimentare ricompensando gli sforzi dell'agricoltore e raccogliere la domanda e la richiesta del consumatore”. E Legambiente rilancia con una tre giorni internazionale itinerante dal titolo “Orti in festa” che si svolgerà a Pontecagnano, Eboli e Succivo il 17,18,19 giugno con la partecipazione di studiosi e altre esperienze europee.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©