Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

L'uomo ha poi tentato il suicidio lanciandosi dalla finestra

Lei vuole abortire, lui la uccide davanti al figlio a coltellate


Lei vuole abortire, lui la uccide davanti al figlio a coltellate
15/09/2012, 13:47

MILANO - Ancora una volta, la cronaca deve registrare l'omicidio di una donna da parte del proprio partner. 
L'episodio è avvenuto a Milano, in via San Dionigi, una zona periferica. Verso le 22, una donna al quarto piano di un edificio ha chiamato la POlizia, perchè un corpo era caduto nel suo terrazzino. La polizia è arrivata insieme all'ambulanza e, guardando i documenti, i poliziotti hanno appreso che l'uomo abitava al settimo piano di quell'edificio. Ma li ha insospettiti vedere che le scarpe e il pantalone erano sporchi di sangue, in assenza di ferite evidenti. Hanno prima provato ad entrare dalla porta, che però era chiusa e a cui non rispondeva nessuno. A quel punto, con una autoscala dei vigili del fuoco sono entrati dalla finestra e hanno trovato, nella stanza da letto, Alessia Francesca Simonetta, la convivente del ferito. La donna era stata uccisa con 10 coltellate - sei da davanti e quattro alle spalle - inferte con un coltello di 12 centimetri. Vicino a lei, il figlio di 14 mesi. 
In base a quanto accertato, tra i due deve essere scoppiata una lite, probabilmente perchè lei era rimasta incinta (c'erano i risultati di esami medici specifici) e voleva abortire. Durante la lite lui ha afferrato il coltello e ha colpito la donna. Dopo di che ha ingoiato un acido per sturare il lavandino e si è gettato dalla finestra. Ma i danni inferti dall'acido sono stati lievi e il volo di "soli" tre piani non ha lasciato conseguenze gravi. Tanto che, anche se è entrato in ospedale ion codice rosso, dopo poche ore è stato definito fuori pericolo. Anche se, quando fguarirà, dovrà rispondere davanti alla legge di omicidio. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©