Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La denuncia del comitato Valori Collinari

L'emergenza rifiuti colpisce anche il Vomero


L'emergenza rifiuti colpisce anche il Vomero
04/07/2010, 11:07

“ Piazza Vanvitelli da emblema del quartiere del Vomero che molti ricordano ancora come il “quartiere dei broccoli”, per l’antica presenza di molte aree a verde, destinate alla coltivazione di questo ortaggio, a simbolo del degrado e dell’abbandono che affligge la popolosa area collinare – denuncia Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione -. A testimonianza i marciapiedi sporchi ed invasi da motorini, occupati in buona parte da gazebo realizzati con materiali vari, legno, ferro e plastica, installate dai numerosi esercizi pubblici aperti negli ultimi anni, una piazza sempre piena di autovetture in sosta vietata, anche dinanzi all’ascensore per i diversamente abili per l’acceso al metrò collinare, “assediato” da auto e ciclomotori e, dove i sacchi d’immondizia vengono lasciati a marcire al sole ad ogni ora del giorno, vista la totale mancanza di vigilanza al riguardo ( foto allegata ) “.
“ Ma ciò che più colpisce è la totale incuria che affligge le aiuole che coronano la piazza e che furono realizzate quando fu costruita la stazione della linea 1 della metropolitana per ornare la zona con aree a verde – continua Capodanno -. Evidentemente per la mancanza della mancanza d’irrigazione, di verde è rimasto solo qualche filo d’erba. Le aiuole sono per lo più ridotte ad aree brulle in terra battuta, utilizzate come ricettacoli d’immondizia. In esse si osservano numerose bottiglie e lattine vuote, senza che nessuno provveda alla pulizia “.
“ Ma dove sono i dipendenti comunali del servizio giardini – si domanda Capodanno -? Quanti ne sono e cosa fanno, visto lo stato d’incuria e d’abbandono nel quale versa complessivamente il poco verde a disposizione delle decine di migliaia di abitanti della collina? Davvero l’amministrazione comunale pensa di risolvere il problema dando in adozione il verde pubblico ai privati e lasciando che i dipendenti del settore continuino a non fare il loro dovere? “.
Domande alle quali Capodanno auspica che il sindaco Iervolino e l’assessore all’ambiente, Nasti, vogliono dare risposte operative; o, in mancanza, che provvedano gli organi deputati al controllo e alla vigilanza sul funzionamento dei pubblici uffici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©