Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Troppi galeotti poco personale

Lenzuola annodate per fuggire: troppi carcerati e poco personale


Lenzuola annodate per fuggire: troppi carcerati e poco personale
26/07/2010, 20:07

PISA – Scene da film: a quanti non sarà capitato di vedere sul piccolo e grande schermo lenzuola annodate fuori dalle finestre del carcere, calate giù per il muro, utili per l’evasione?
C’è che chi oltre a gustare lo spettacolo lo mette anche in pratica. Come hanno fatto due albanesi, detenuti nel carcere di Pisa, dal quale sono scappati, scavalcando con delle lenzuola annodate il muro di cinta, all'ora di pranzo.
Una "evasione annunciata", fa notare il segretario del Sappe Donato Capece che denuncia come "l'allarme antiscavalcamento sarebbe non funzionante da tempo, mentre a causa della carenza di organico tra la polizia penitenziaria non c'erano sentinelle a guardia delle mura di cinta".
"Che si tratti di evasione annunciata - spiega il sindacalista - lo dimostra il fatto che nel carcere di Pisa ci sono 458 detenuti contro una capienza di circa 250 posti, mentre gli agenti penitenziari sono carenti di 80 unita' (pari al 31% dell'organico regolamentare). Da tempo - prosegue - denunciamo le gravi criticita' di Pisa, e nonostante le carenze di organico, sette agenti assegnati
agli istituti della Toscana sono stati trasferiti, a partire dal primo settembre all'ufficio di vigilanza del ministero della Giustizia. Sollecitiamo l'ispettorato a fare chiarezza in proposito''.
Per queste ''gravissime criticita'', il Sappe chiede addirittura il ''commissariamento del Dap''.
Capece fa poi notare come dopo l'evasione di due detenuti avvenuta settimane fa dal carcere di Lecco, ''due agenti sono stati raggiunti da avviso di garanzia. Non e' giusto che a pagare sia sempre l'anello piu' debole del sistema, cioe' l'agente. Non vorremmo che tra suicidi ed evasioni - conclude il sindacalista - fosse questo il sistema per deflazionare le carceri". Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha aperto un'inchiesta interna su quanto accaduto.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©