Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Attacco anche alla Lega Nord, per le offese al tricolore

L'esercito scrive a La Russa: "Vestiti inidonei alla cerimonia"


L'esercito scrive a La Russa: 'Vestiti inidonei alla cerimonia'
05/08/2011, 10:08

ROMA - Una iniziativa decisamente inusuale, quella presa dall'Associazione nazionale ufficiali dell'aereonautica militare: una lettera firmata dal generale Giuseppe Ienzi e diretta al Ministro della Difesa Ignazio La Russa, che definire "critica" è poco.
Lo si giudichi leggendo il testo: "La sua camicia azzurrina, sportivamente slacciata, ed il suo scuro maglioncino a "v" (oltre ai pantaloni troppo abbondantemente ricadenti sui talloni), certamente appropriati per presenziare ad una cerimonia di scambio di gagliardetti fra bocciofile, non hanno conferito, all'evento in fieri (ieri c'è stato lo scambio di consegne tra la brigata Julia e la brigata Folgore, in Afghanistan, ndr), quell'importanza ch'esso si proponeva di raffigurare. Lo sventolio del nostro amato tricolore, ai venti delle terre straniere, lontano dagli affetti e dal caldo tepore della madre patria, costituisce profondo motivo per  indurre gli animi di 'noi' militari a patire ogni contingente asprezza e tener alto il senso del dovere e dell'onore. Ed è per onorare quel vessillo che il caporal maggiore Gaetano Tuccillo, da lei accolto al suo rientro in patria avvolto in un identico tricolore, ha donato la sua vita all'Italia. Ed è per onorare quel vessillo (che, purtroppo,  elevati ed inqualificabili esponenti di fede politica contigua alla sua userebbero per nettarsi...) che la prego di voler conferire, alle cerimonie militari cui parteciperà, quell'austerità, anche formale, che, nelle polveri afghane, ella ha involontariamente offuscato".
Da notare anche l'evidente riferimento (quel "elevati ed inqualificabili esponenti di fede politica contigua alla sua") indirizzato ai leghisti, che decisamente non devono riscuotere la simpatia di chi ha steso la lettera.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©