Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'iniziativa del coordinamento giornalisti precari campani

"Libertà di stampa tra precariato e (dis)informazione"


'Libertà di stampa tra precariato e (dis)informazione'
23/02/2010, 19:02

Riceviamo e con piacere pubblichiamo il comunicato del Coordinamento giornalisti precari campani, inerente l'iniziativa prevista per il 26 febbraio 2010.

Lo scorso 8 gennaio 2010 è nato a Napoli il Coordinamento giornalisti precari campani. Tra i gli oltre 30 fondatori e i circa 200 aderenti al gruppo, ci sono giornalisti di fatto e giornalisti professionisti, freelance, pubblicisti, disoccupati, precari con contratti co.co.co o ritenuta d'acconto, iscritti e non iscritti all'Ordine, che lavorano in tutte le province delle regione. Ciò che ci accomuna è la mancanza di una voce nelle sedi dove si decide del nostro futuro, della nostra possibilità di avere un contratto normale, delle nostre tutele. Ci siamo riuniti per dare vita a un coordinamento che si faccia portavoce delle problematiche dei giornalisti precari campani, chiedendo un confronto e un dialogo a Ordine e Assostampa. Chiarezza sui contratti, retribuzioni dignitose, garanzie previdenziali e assicurative: queste sono solo alcune delle richieste che avanzeremo. Ma la nostra non è solo una battaglia in difesa dei nostri interessi di categoria. E' una battaglia in difesa della libertà di stampa e del diritto dei cittadini ad essere informati. Quali garanzie di indipendenza può dare un collaboratore precario, sottopagato e privo di garanzie, soggetto spesso a condizioni di lavoro difficili?

Venerdì 26 febbraio alle ore 11,00, presso la libreria Ubik di via B. Croce 28, si terrà la prima iniziativa pubblica del Coordinamento e discuterà della libertà di stampa partendo dal punto di vista della precarietà che oggi caratterizza fortemente la nostra professione. Inoltre, saranno presentati i risultati di un questionario anonimo promosso e redatto dal Coordinamento per capire le attuali condizioni dei giornalisti campani atipici. Saranno inoltre anticipate alcune delle testimonianze che saranno raccolte in un Libro bianco sull’informazione dei senza diritti in Campania. Infine, sarà annunciata la nascita dell’Associazione dei giornalisti precari campani, che si modulerà sull’esempio di altre regioni italiane come il Veneto e il Friuli Venezia Giulia.
Saranno presenti all’evento il presidente dell’Ordine dei giornalisti Campania Ottavio Lucarelli, il presidente di Assostampa Campania Enzo Colimoro e il presidente regionale dell’Unione cronisti Renato Rocco. Infine, sono stati invitati i rappresentanti di sindacati e associazioni. L’incontro è aperto a tutta la cittadinanza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©