Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La tragedia in mare si è consumata ieri mattina all'alba

Libia: naufragato barcone con oltre 600 persone a bordo

Decine di persone hanno perso la vita

Libia: naufragato barcone con oltre 600 persone a bordo
07/05/2011, 22:05

TRIPOLI - Un barcone con a bordo oltre 600 profughi è naufragato al largo della costa libica, nei pressi di Tripoli, provocando la morte di decine di persone, tra cui donne e bambini. L'ennesima tragedia in mare, causata dall'eccessivo peso dell'imbarcazione e dalle precarie condizioni della stessa, si è consumata ieri mattina all'alba. Tuttavia la notizia della tragedia, denunciata dalla portavoce dell'Unhcr Laura Boldrini e conseguentemente confermata dall'ambasciatore somalo in Libia Mohamed Abdiqani, è stata appresa e diffusa soltanto questo pomeriggio.
Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, ottenuta grazie alle testimonianze di alcuni sopravvissuti che sono riusciti a salvarsi raggiungendo la costa a nuoto, si tratta quasi certamente dell'imbarcazione "gemella" di quella con 655 profughi a bordo approdata la scorsa notte a Lampedusa, dopo essere stata soccorsa dalle motovedette della Guardia Costiera a circa venti miglia dall'isola. La carretta in questione, anch'essa sovraccarica, con a bordo oltre 600 persone, è naufragata proprio davanti alla costa libica. I morti accertati sono diverse decine, ma restano disperse ancora centinaia di persone. Il giornalista somalo Aden Sabrie, collaboratore della Bbc, riporta testimonianze secondo cui 16 dei cadaveri recuperati, tra cui quelli di donne e neonati, appartengono a suoi connazionali.
La notizia, che si è immediatamente diffusa nel Centro di prima accoglienza di Lampedusa, ha provocato lacrime e sgomento tra gli extracomunitari, molti dei quali, nella tragedia, hanno perso i propri familiari.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©