Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Licio Gelli contestato a Pietrasanta


Licio Gelli contestato a Pietrasanta
13/03/2009, 09:03

CIrca 200 manifestanti di sinistra si sono radunati davanti il chiostro di Sant'Agostino, a Pietrasanta, in provincia di Lucca, per protestare contro la presenza di Licio Gelli. L'ex "venerabile" della loggia massonica P2 era lì per la presentazione di un libro, quando i manifestanti hanno protestato, lanciando inni e cantando "Bandiera Rossa". La situazione era comunque tranquilla, quando la Polizia ha provveduto ad alzare il livello dello scontro, provando ad utilizzare un loro automezzo per fendere la calca. Ma alcuni manifestanti si sono seduti davanti al mezzo, rifiutandosi di muoversi. A quel punto la Polizia ha provato prima a sollevarli per spostarli e poi ad usare la forza per farsi largo, ottenendo solo di trovarsi gli altri manifestanti intorno. VIsta la situazione, si è deciso di far entrare Gelli da una porta secondaria, e così hanno proceduto alla presentazione del libro.
Sarà una combinazione, ma accade sempre più di frequente vedere pacifiche manifestazioni di sinistra in cui gli animi vengono scaldati, al punto che la Polizia carica i manifestanti (ma solo ed esclusivamente di sinitra), proprio da comportamenti delle forze dell'ordine. Nelle ultime due settimane è successo a Bergamo, poi all'Università di Torino ed infine a Lucca. Che stiano cambiando gli ordini che i poliziotti ricevono?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©