Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La strana forma colpa della natura e non della discarica

Limone mutante di Terzigno: solo una bufala


Limone mutante di Terzigno: solo una bufala
06/11/2010, 22:11

NAPOLI – Al lupo, al lupo. Si comincia sempre così e poi, quando il lupo arriva davvero, nessuno ci crede più. Quello che vedete nella foto è il limone mutante, che nei giorni scorsi ha fatto il giro dei media ed è comparso prepotentemente anche su Facebook. Sarebbe stato raccolto nel proprio giardino da Maria Rosaria Esposito, avvocato ed attivista antidiscarica, la cui buona fede va ovviamente data per scontata. Il collegamento è stato velocissimo: limone strano, danni della discarica  (dove sono stati sversati, tra gli altri, rifiuti non stabilizzati, che hanno creato i miasmi che hanno giustamente allarmato la popolazione). Attualmente l’agrume è in osservazione al dipartimento di biologia dell’Università Federico II di Napoli.
A quanto pare, invece, le cose stanno diversamente. A ridurre così quel povero agrume non è stato nessun materiale tossico sversato nel terreno. Basta confrontarlo con quelli colpiti dal cosiddetto acaro delle meraviglie, nome scientifico “Eriophyes sheldoni”. Basta fare una ricerca in Internet. Notate delle somiglianze?
E’ chiaro, con questo non si sta assolutamente dicendo che avere una discarica dietro casa (e gestita negli anni come sappiamo) faccia bene, ma si vuole portare ad una riflessione. Prima di lanciare l’allarme, rischiando di lanciare una bufala, non sarebbe meglio avere in mano delle certezze?

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©