Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lioni, sequestro di borse e portafogli contraffatti


Lioni, sequestro di borse e portafogli contraffatti
05/04/2012, 12:04

Capi contraffatti accanto a prodotti originali: sequestrate borse recante il falso marchio HELLO KITTY presso un negozio di Lioni.

L’operazione si inserisce nella particolare intensificazione del controllo economico del territorio, con specifica azione a contrasto della contraffazione marchi, che in questi giorni precedenti le festività pasquali, costituisce una delle principali attività del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino.

In tale contesto gli uomini della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi, agli ordini del tenente Luciano Maria Reale, avevano deciso nella giornata di ieri di verificare la veridicità di una segnalazione di una mamma che aveva comprato una borsa recanti un noto marchio alla moda per la propria figlioletta ma che si era vista contestare dalla ragazza, “esperta” delle caratteristiche della borsa che aveva ricevuto in regalo, la non rispondenza del prodotto a quelle che sapeva essere alcune caratteristiche del prodotto.

Individuato il negozio presso un noto centro commerciale di Lioni, si decideva di dar corso all’intervento palese nella mattinata di ieri, mediante controllo di tutte le borse ed i portafogli in esposizione in vetrina, con particolare riferimento a quelle recanti il noto marchio HELLO KITTY.

Nonostante il disegno e le scritte riportate nei prodotti apparissero conformi all’originale, in effetti era l’etichetta a tradire la vera natura, contraffatta, delle borse e dei portafogli. Le ricerche erano estese anche alla merce non esposta in vetrina e, considerando anche quanto rinvenuto in deposito, il servizio si concludeva con il sequestro, ai sensi dell’articolo 354 del codice di procedura penale, di un totale di 75 borse e di 4 portafogli, con inevitabile denuncia a piede libero alla Procura della Repubblica di Sant’Angelo dei Lombardi nei confronti della titolare del negozio, identificata per tale B.L. (di anni 51), nata a Napoli, in relazione alle constatate violazioni di cui agli articoli 474 (contraffazione di marchi) e 648 (ricettazione) del codice penale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©