Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dal 2008 perse 12 posizioni. Gli Usa fuori dai primi 20

L'Italia è più corrotta del Ruanda, siamo 67esimi


L'Italia è più corrotta del Ruanda, siamo 67esimi
26/10/2010, 11:10

ROMA - Adesso abbiamo anche la certificazione internazionale: l'Italia è un paese sempre più corrotto. Lo dice Trasparency International, una ong che valuta i livelli di corruzione di 178 Paesi nel mondo, attraverso il Corruption Perceptions Index (CPI), che misura il livello di corruzione del servizio pubblico. Questo indice è convertito in un punteggio da 0 a 10: più il voto è basso, più alta è la corruzione. L'Italia è 67esima, con un punteggio di 3,9, in netta diminuzione rispetto al 4,3 del 2009 (63esimo posto) e al 4,8 del 2008 (55esimo).
In cima alla classifica ci sono Danimarca e Nuova Zelanda. Ma davanti a noi ci sono Paesi come il Ruanda e le isole Samoa. Ovviamente in fondo ci sono i Paesi dittatoriali o che sono coinvolti nella guerra: Iraq, Afghanistan, Myanmar (l'ex Birmania). Male anche gli Stati Uniti, che escono dai 20 Paesi più virtuosi, finendo al 22esimo posto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©