Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ad annunciarlo l'eurodeputato Enzo Rivellini

Lite fisco-Maradona, tra due settimane il pronunciamento UE


Lite fisco-Maradona, tra due settimane il pronunciamento UE
01/04/2014, 12:45

Due sole settimane e l'Ue dirà la sua sul "Caso Maradona" e sulla lite che da 20 anni e passa vede il Pibe de Oro contrapposto al fisco italiano. Ad annunciare l'imminente pronunciamento delle Istituzioni comunitarie è l'eurodeputato Enzo Rivellini (Fi/Ppe), autore di due interrogazioni parlamentari in merito.
Rivellini spiega: “Il Mediatore Europeo, che è stato da noi interpellato per iscritto sulla vicenda di Diego Armando Maradona, a nostra parere ingiustamente tartassato da Equitalia come migliaia di italiani, ha risposto ufficialmente che il caso è sotto la sua osservazione e al più presto risponderà nel merito. Contemporaneamente la Commissione Ue, entro due settimane, esprimerà una sentenza sulle nostre interrogazioni e così entro pochi giorni potremo avere una risposta sia dalla Commissione che dal Mediatore stesso".
Dunque a breve si potrà capire cosa ne pensa l'Unione Europea del "Caso Maradona", protagonista di un contenzioso con l'Agenzia delle entrate ormai ventennale e tutto incentrato su un accertamento fiscale che successivamente diverse sentenze, penali e amministrative, hanno sancito non fondato. Maradona, però, a differenza degli ex colleghi di squadra Alemao e Careca, non si oppose all'accertamento dell'Erario (perché nemmeno notificato) e finì per soccombere. Ora la sua situazione, trascorsi oltre vent'anni dall'accertamento, è tecnicamente "prescritta": Dieguito non può aderire alle sentenze favorevoli emesse a suo tempo a favore di Careca e Alemao. Da qui la scelta di Enzo Rivellini, unitamente al collegio difensivo del Pibe de Oro, di adire le Istituzioni europee e chiederne un pronunciamento per superare l'impasse e dare modo a Maradona, così come a migliaia di altri italiani nelle sue stesse condizioni, di veder garantiti i propri diritti in sede amministrativa e fiscale.

Commenta Stampa
di Paolo Trapani
Riproduzione riservata ©