Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo Verde analizza nuovi sbarchi clandestini a Lampedusa


Lo Verde analizza nuovi sbarchi clandestini a Lampedusa
11/02/2011, 17:02

Roma, 11 febbraio 2011 – “Credo che l’attuale governo non riesca ad affrontare i problemi a monte, e continui ad applicare misure che non sono di aiuto alle migliaia di persone clandestine che arrivano nel nostro Paese”. Il viceresponsabile per l’Immigrazione dell’Italia dei Diritti, Antonino Lo Verde, si sente in dovere di commentare la recente notizia sull’emergenza scattata in questi giorni per l’arrivo di una nuova ondata di immigrati sbarcati sulle coste siciliane.

La cifra degli ultimi tre giorni si aggira intorno a 1500 persone giunte a Lampedusa, e la situazione risulta difficile sotto il profilo dell’accoglienza, perché, come disposto dal ministro dell’Interno, Roberto Maroni, il centro di permanenza è stato chiuso ormai da tempo e dal governo non sembra arrivare la disposizione per la riapertura.

“La crisi politica in Tunisia sta portando un nuovo afflusso di immigrati e con molta probabilità, se continuerà l’inasprimento delle manifestazioni contro il presidente Mubarak, arriverà anche tanta gente dall’Egitto – continua nella sua riflessione l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro –. Questo significa solo una cosa, il centro di accoglienza dove essere riattivato al più presto, perché è nostro compito salvaguardare la vita di quelle persone che fuggono con disperazione da guerre civile e dalla povertà per trovare un porto sicuro di speranza. L’immigrazione deve essere vissuta come un movimento di popoli e pertanto – conclude Lo Verde –, è necessario che anche il nostro Paese sia in grado di affrontare, accogliere e monitorare i nuovi sbarchi”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati