Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lombardo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, l'intervento di Soldà


Lombardo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, l'intervento di Soldà
29/03/2010, 18:03

"Notizie di questo genere, purtroppo, sono quasi all'ordine del giorno. Certo che avere un presidente di regione indagato per mafia non alimenta la fiducia dei cittadini nei riguardi delle istituzioni e della politica". Interviene in questo modo Roberto Soldà, vicepresidente dell'Italia dei Diritti, sulla notizia riguardante l'indagine per concorso esterno in associazione mafiosa, avviata dalla procura di Catania, nei confronti del presidente della giunta regionale siciliana Raffaele Lombardo. L'inchiesta riguarderebbe anche il fratello Angelo, parlamentare del Mpa. Indagati pure il consigliere regionale Fausto Fagone dell'Udc, sindaci e amministratori della provincia di Catania. Alla base ci sarebbe un rapporto di tremila pagine che farebbe riferimento alle relazioni dei fratelli Lombardo con il capomafia catanese Vincenzo Aiello, arrestato il 9 ottobre scorso nel corso di un vertice e indicato come vicino al boss ergastolano Benedetto Santapaola. Il dossier parla di appoggio e impegno elettorale delle cosche a favore dei politici. "L'auspicio -conclude l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - è che il lavoro dei magistrati vada avanti celermente".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©