Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Si dimette il vicepresidente del nosocomio

L'ospedale Montecatone e la falsa invalidità concessa al mafioso

Due nuovi avvisi di garanzia dopo i domiciliari per Menarini

L'ospedale Montecatone e la falsa invalidità concessa al mafioso
10/01/2011, 23:01

BOLOGNA - Continua a far discutere l'oscura vicenda della falsa invalidità concessa ad un mafioso da un medico dell'ospedale Montecatone di Bologna.
La procura, dopo aver imposto gli arresti domicialiari con l'accusa di falsa attestazione medica per il dottor Mauro Menarini, ha scelto di concedere a quest'ultimo l'obbligo di dimora ed ha poi emesso altri due avvisi di garanzia.
I destinatari, sono nell'ordine il vicepresidente del Montecatone Ilja Gardi ed medico Augusto Costa. Gardi, per il quale si ipotizza il reato di intralcio alla giustizia, appena avuto notizia dell'avviso di garanzia, si è dimesso dalla carica di vicepresidente del nosocomio e si è detto disponibile ad essere ascoltato dai pm Valter Giovannini e Lorenzo Gestri. Per Costa, invece, pende l'accusa di dichiarazioni false e reticenti rilasciate all'interno della stessa indagine che ha palesato la falsa invalidità concessa ad un conclamato malavitoso.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©