Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cinque milioni di euro in Emilia Romagna

Lotteria Italia: biglietto vincente a Modena!


Lotteria Italia: biglietto vincente a Modena!
07/01/2013, 09:24

ROMA - E’ come ogni Epifania che si rispetti, torna la “Lotteria Italia” ed a vincere il primo premio da cinque milioni di euro è la città di Modena. La dea bendata ha voluto estendere la sua magnanimità alle terre fortemente colpite dal terremoto lo scorso maggio, concedendo un’altra possibilità dopo che, l’anno scorso, il premio da due milioni fu venduto proprio a Modena ma non fu reclamato e quindi andò perduto. La serie del biglietto vincente è la seguente A786229 ed è stato acquistato sull’A1 Milano - Bologna. Sempre nella stessa città c’è stata un’ulteriore vincita, il biglietto del valore di 50.000 euro, serie I700068. Anche le Marche,la Campania, il Lazio e il Veneto hanno giovato della fortuna della Lotteria. Il premio da 2 milioni è stato messo in vendita a Numana (Ancona) appartenente alla serie G numero 794560; il terzo premio, da un milione, è andato all’acquirente del biglietto serie M numero 811661 venduto a Vallata (Avellino); 800 mila euro vale il biglietto serie E numero 822453 venduto a Castrocielo (Frosinone); il quinto di 500 mila euro è associato al biglietto serie G numero 255449 venduto a San Donà di Piave (Venezia). A conclusione di questo anno, la Lotteria chiude la stagione poco fortunata, con un calo del 13% rispetto all’anno scorso, la regione dove maggiormente c’è stata adesione e partecipazione è stato il Lazio, seguita dalla Lombardia. Per coloro che vogliono ritirare i premi ci si dovrà presentare con il biglietto vincente integro e originale, presso uno sportello di Banca Intesa Sanpaolo oppure nell'Ufficio Premi di Lotterie Nazionali. I possessori dei biglietti prescelti dovranno far richiesta entro il 180° giorno successivo a quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del bollettino dell'estrazione, con pagamento entro 30 giorni dalla data di esibizione del biglietto.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©