Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Nel box degli orrori ritrovati numerosi oggetti sessuali

Lucciola uccisa a Monza, spunta l'ipotesi "Snuff-movie"

Un testimone racconta di aver visto una donna nel garage

Lucciola uccisa a Monza, spunta l'ipotesi 'Snuff-movie'
27/05/2011, 17:05

CINISELLO BALSAMO – Clamorosa svolta nelle indagini relative all’uccisione della prostituta romena di 23 anni, ritrovata incaprettata l’altro ieri a Cinisello Balsamo. Dietro l’assassinio potrebbe esserci un giro di “snuff-movie”, ossia filmati  a sfondo sessuale che riprendono violenze e torture “dal vivo”.
Un testimone, un muratore della zona che abita in un palazzo adiacente al “box degli orrori”, ha raccontato inoltre di aver visto più volte una “donna molto bella, alta, con i capelli lisci lunghi e neri, vestita in modo elegante” entrare ed uscire dal garage dove avvenivano gli abusi. Il super teste sarebbe un collega di lavoro di Antonio Giordano, l’uomo di 44 anni fermato con l’accusa di aver ordito l’omicidio.
Al momento, comunque, si attendono i risultati dell’esame autoptico per fare luce sull’intera vicenda. I carabinieri di Monza e Sesto San Giovanni che stanno effettuando i rilievi hanno rinvenuto ben 200 reperti, ancora al vaglio degli inquirenti. “Stiamo cercando di capire se ci possano essere state altre vittime e se l’arrestato potesse avere dei compagni di gioco”, hanno spiegato. Tanti dubbi, nessuna certezza, se non che nel box avvenivano “incontri particolari”. Il garage era attrezzato per qualsiasi cosa: letto, Tv, film porno e giocattoli sessuali, molti dei quali sadomaso, per legare, sottomettere e dominare la partner.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©