Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

L'ex tesoriere della Margherita dopo le dichiarazioni in tv

Lusi sarà querelato per diffamazione

Gli inquirenti acquisiranno il video di "Servizio Pubblico"

Lusi sarà querelato per diffamazione
09/03/2012, 18:03

ROMA - L’avevano annunciato e l’hanno fatto. L’ex Margherita ha querelato per diffamazione l’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi, accusato di aver sottratto 13 milioni di euro dalle casse del partito. Gli inquirenti intendono acquisire il vide dell’intervista rilasciata dal senatore nel corso dell’ultima puntata del talk show di Michele Santoro, “Servizio Pubblico”. L’ex tesoriere ha rilasciato delle dichiarazioni potenzialmente esplosive: “Ho mantenuto la cassa perché me l'hanno fatta mantenere, io eseguivo ciò che mi veniva detto ed evidentemente per loro ero affidabile”, ha sottolineato Lusi in un audio intercettato dall’inviato del programma. In un altro passaggio, Lusi fa affermazioni pesanti: “Questa partita è molto più grande, questa partita fa saltare il centrosinistra”. E fa anche una domanda provocatoria, probabilmente quella che ha convinto i vertici della Margherita a querelare: “Perché i revisori dei conti e il comitato di tesoreria hanno sempre fatto relazioni positive sui miei bilanci? È evidente che andavano bene altre cose, no?”.
LA DENUNCIA - I legali dei vertici della Margherita pianificano dunque il prossimo futuro. “I dirigenti Francesco Rutelli, Enzo Bianco e Giampiero Bocci - annuncia l'avvocato Titta Madia - mi hanno incaricato di studiare la possibilità di denunciare il senatore Luigi Lusi per le dichiarazioni grossolanamente diffamatorie fatte ieri nel corso del programma televisivo di Santoro”. E’ dunque guerra aperta con il senatore, guerra che potrebbe finire doppiamente in tribunale: “Con il collega Alessandro Diddi, - conclude l’avvocato - stiamo valutando se sussistano gli estremi del reato di diffamazione in relazione alla genericità delle allusioni di Lusi, calunniose, ma non rivolte specificamente ad alcun soggetto identificabile”.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©