Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Monsignor Giulodori: "Attenzione a ciò che si dice"

Macerata, prediche dei frati a favore dei gay


Macerata, prediche dei frati a favore dei gay
08/09/2010, 10:09

MACERATA - A Montefano i preti della parrocchia di San Donato non condividono le idee dei frati del convento di San Filippo Benizi guidati da Padre Maggi. E' stato proprio lui infatti ad attirare numerosi fedeli grazie alle prediche e al web a favore degli omosessuali. Non solo i preti, ma anche circa dieci persone non vedono di buon occhio Padre Maggi e le sue omelie.
Per questo motivo hanno firmato una petizione per mandar via i frati, che proprio grazie alla loro modernità sono riusciti ad attirare numerosi fedeli in un convento riaperto circa 15 anni fa. Padre Maggi ha raccontato a La Stampa che la Chiesa, per la grossa affluenza, non poteva contenere tutte le persone che volevano entrare.
"Nella sera del sabato santo siamo stati costretti ad aprire le porte nonostante la gelida serata", ha spiegato. La questione ha iniziato a complicarsi quando a Montefano è arrivato il vescovo Monsignor Giulodori, il quale non ha mai condiviso i moderni metodi dei frati. "Chiesa e parola di Dio sono la stessa cosa e quindi attenzione a ciò che si dice e a come lo si dice", ha detto Giulodori. Sta di fatto che la battaglia continua a colpi di siti internet pro e contro la comunità dei frati.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©