Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nel mirino gli appalti per i lavori incompiuti del G8

Maddalena: indagato Bertolaso, arrestato il suo vice


Maddalena: indagato Bertolaso, arrestato il suo vice
10/02/2010, 11:02

ROMA - Blitz questa mattina all'alba dei Carabinieri del Ros, che hanno arrestato Angelo Balducci, ex braccio destro di Guido Bertolaso, responsabile della Protezione Civile. Sotto accusa l'utilizzo dei fondi pubblici (327 milioni) utilizzati per i lavori di quello che sarebbe dovuto essere il G8 del 2009, inizialmente previsto per La Maddalena e poi spostato, per ragioni di immagine e di propaganda politica del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a L'Aquila, travolta dal terremoto del 6 aprile. Nel corso della stessa inchiesta sono state arrestate diverse altre persone, mentre si stanno svolgendo perquisizioni nelle sedi della Protezione Civile.
Tutto nasce da un'inchiesta della magistratura di Firenze su un giro di presunte tangenti pagate per ottenere appalti pubblici. In quella inchiesta, uno degli indagati è Marco Casamonti, architetto e progettista. Intercettando le sue telefonate (Casamonti è uno dei progettisti del costruendo hotel a 5 stelle che doveva sorgere alla Maddalena), si è arrivati a Balducci, e quindi a Bertolaso.
La prima reazione alla vicenda è stata quella espressa da Leoluca Orlando, deputato dell'Italia dei Valori, che ha chiesto al governo di rispondere immediatamente in Parlamento di questo fatto, soprattutto in relazione all'approvazione, che sta avvenendo a marce forzate, della legge che istituisce la Protezione Civile S.p.A.. "Attribuzione di poteri senza controllo, mancanza totale di verifiche su spese e sull'utilizzo di fondi speciali, abuso del concetto di emergenza, tale da farvi rientrare qualsiasi tipo di evento: il governo ponga un freno a questo delirio di onnipotenza in dispregio del denaro pubblico, delle funzioni istituzionali della Protezione civile e delle vere emergenze, come quelle connesse ai rischi idrogeologici del messinese e dell'intero paese", ha chiesto l'ex sindaco di Palermo. In effetti, con la privatizzazione della Protezione Civile, c'è la quasi certezza che quel minimo di trasparenza presente oggi per certi affari, scompaia del tutto. Come dimostra il caso La Maddalena, ma anche il piano C.A.S.E. di L'Aquila, dove pure ci sono dubbi sulla costruzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©