Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un nuovo taglio di risorse per una zona molto povera

Maddalena: la Louis Vitton Cup si disputerà con i soldi del Sulcis


Maddalena: la Louis Vitton Cup si disputerà con i soldi del Sulcis
20/05/2010, 09:05

ISOLA DELLA MADDALENA (SARDEGNA) - Ormai si avvicina il 6 giugno, data in cui si svolgeranno alla Maddalena alcune delle gare della Louis Vitton Cup, la prima fase della America's Cup, uno dei più importanti trofei di barche a vela del mondo. In particolare fervono i lavori di sistemazione di quelle che erano le strutture inizialmente previste per il G8 del 2009 - che poi si è tenuto a L'Aquila - e che tanto scalpore hanno creato, quando si è scoperta la vicenda che ha riguardato Guido Bertolaso, Diego Anemone e di tutta la "cricca". Ma con quali soldi si sta procedendo? Le spese infatti erano state coperte da un decreto del Presidente del Consiglio, che assegnava a questo evento 3,75 milioni in quanto catalogato "grande evento" e gestito in quanto tale dalla Protezione Civile. Ma la Corte dei Conti ha deciso che una gara velica non ha nulla a che vedere con l'emergenza e quindi ha tagliato 2,3 milioni di finanziamento. Per reintegrarli Berlusconi ha deciso di prelevarli da un fondo pluriennale riservato alla bonifica del Sulcis, dove ci sono fondi europei, statali e locali, per un totale di una ventina di milioni di euro l'anno. Ma togliere il 10% di questa somma per un evento del genere potrà avere ripercussioni serie sull'occupazione di una delle zone più economicamente depresse d'Italia. Soprattutto nel momento attuale di crisi, nazionale ed internazionale.
Naturalmente nessuna obiezione da parte della Regione Sardegna, guidata dal figlio del commercialista di Berlusconi, Ugo Cappellacci, che anzi sostiene la scelta e la difende: "Sia chiaro che noi non togliamo i fondi al Sulcis. Si tratta solo di un giro contabile per poter fare questa manifestazione che deve partire tra pochi giorni, ma poi i soldi prelevati verranno nuovamente immessi dal governo". E questo nonostante non ci siano neanche ricadute occupazionali di rilievo, dato che verranno assunti meno di un centinaio di abitanti dell'isola, ma solo con un contratto a tempo determinato fino a settembre, perchè poi le strutture chiuderanno fino ad aprile 2011.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©