Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

La Corte d'appello ha confermato la condanna

Mafia, Marcello Dell'Utri condannato a 7 anni

Il reato è di concorso esterno in associazione mafiosa

Mafia, Marcello Dell'Utri condannato a 7 anni
25/03/2013, 19:24

PALERMO - La Corte d’appello di Palermo ha condannato l’ex senatore del Pdl Marcello Dell’Utri a 7 anni di carcere. Dell’Utri è imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. Già in primo grado era stato condannato a una pena di 9 anni, diventati 7 in appello. “Speravo in un’altra sentenza, ma accetto il verdetto” è stato il sintetico commento dell’ex sentore Dell’Utri.
L’accusa sostiene che per oltre 30 anni l’ex manager di Publitalia avrebbe avuto rapporti con personaggi di spicco di Cosa nostra, facendo anche da ‘mediatore’ tra Silvio Berlusconi e le cosche mafiose. Sarebbero stati pagati molti soldi da parte dell’ex premier per salvaguardare lo stesso leader del Pdl e i suoi familiari dalle minacce della criminalità organizzata.
La lunga vicenda giudiziaria di Marcello Dell’Utri è cominciata nel 1994 con la sua iscrizione nel registro degli indagati. Il 26 novembre 1996 c’è stata l’udienza preliminare. Poi il rinvio a giudizio. Il 5 novembre 1997 inizia il processo, che si conclude l’11 dicembre 2004 con la condanna a 9 anni di carcere. La Corte d’appello inizia l’iter giudiziario nel 2006, riapre l’istruttoria dibattimentale. Nuove dichiarazioni di collaboratori di giustizia, tra cui spunta il nuovo pentito Gaspare Spatuzza. Il verdetto arriva il 29 giugno 2010 con una sentenza di condanna a 7 anni. 

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©