Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mafia, Rita Borsellino scrive al sindaco: “Via d’Amelio trasformata in pattumiera, uno spettacolo indegno e indecoroso”


Mafia, Rita Borsellino scrive al sindaco: “Via d’Amelio trasformata in pattumiera, uno spettacolo indegno e indecoroso”
21/07/2010, 16:07

“Ho sempre sperato che la giornata della memoria non scadesse nella memoria di un giorno. Purtroppo, lo spettacolo indegno e indecoroso cui ho assistito stamattina in via Mariano D’Amelio, con la zona intorno all’Albero Borsellino trasformata in una pattumiera e rovinata dal fumo e dalla cera, vanifica questa speranza”. Comincia così la lettera che Rita Borsellino ha inviato oggi al sindaco di Palermo, Diego Cammarata, al Consiglio comunale e all’Amia per denunciare lo stato di degrado in cui versa via D’Amelio e il monumento commemorativo dell’Albero Borsellino ad appena due giorni dalle manifestazioni del 19 luglio. “Intorno all’aiuola dell’Albero Borsellino - si legge nella missiva - ci sono ancora le fiaccole di una delle manifestazioni organizzate il 19 luglio. La cera di queste fiaccole si è solidificata, ricoprendo un’ampia area che va dal marciapiede alla base dell’aiuola e che risulta pericolosissima per l’incolumità dei passanti. Segnalo, infine, che il fumo delle fiaccole ha annerito buona parte della struttura che racchiude l’Albero, oltre che il marciapiede antistante. Già l’anno scorso continua - all’indomani delle commemorazioni, avevo chiesto al Comune la rimozione delle fiaccole lasciate anche in quell’occasione ai piedi dell’Albero. Purtroppo, la richiesta non fu accolta e, senza sollevare alcuna polemica, mi decisi a ripulire l’area da sola. Stavolta, però, ritengo necessario che questo scempio abbia fine. Stiamo parlando - conclude - di un simbolo di legalità e lotta alla la mafia, un monumento alla memoria che appartiene a tutta la città. Per questo, le istituzioni competenti non possono non prendersi cura di questo luogo. E non solo alla vigilia delle commemorazioni”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©