Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arresto possibile grazie ad intercettazioni ambientali

Mafia: sventato il sequestro di un imprenditore


Mafia: sventato il sequestro di un imprenditore
26/03/2009, 08:03

Otto persone sono state arrestate per aver progettato il sequestro di un facoltoso imprenditore del ragusano. Si tratta di Calogero La Mantia, 59 anni, ex brigatista rosso, e di un gruppo di appartenenti alla "stidda" capeggiati da Vincenzo Pistritto, 41 anni; quest'ultimo stava anche progettando il rapimento di un altro imprenditore della zona di Caltanissetta. Non è una novità questa, per gli investigatori: già diversi pentiti hanno riferito agli inquirenti che all'interno della mafia c'è chi spinge per tornare ad una nuova "stagione dei sequestri". Quando è stato arrestato Pistritto, è stato verificato anche che aveva una buona disponibilità di armi e di esplosivo al plastico, da utilizzare probabilmente anche nelle rapine.
C'è da notare una cosa: questo arresto è stato possibile grazie ad una serie di intercettazioni ambientali. Se fosse stata in vigore la nuova legge sulle intercettazioni, quella presentata dal governo, queste otto persone sarebbero liberissime di andarsene a spasso. Infatti con la nuova legge le intercettazioni ambientali sono ammesse (persino in questo caso che è quello di una operazione di mafia) solo se nel luogo dove si piazzano i dispositivi di ascolto si è certi che si commetterà un crimine. Quindi il Pubblico Ministero, prima di poter installare le "cimici", avrebbe dovuto dimostrare - prove alla mano - ad un collegio di tre giudici che 1) si trattava di una operazione di mafia (e senza intercettazioni come fai? Non basta dire che quelli sono mafiosi); 2) che in quel luogo dove le "cimici" dovevano essere messe c'era sicuramente un reato in corso (anche qua: come fai a saperlo se prima non ascolti?). E queste due prove dovevano essere raggiunte con delle prove che non fossero altre intercettazioni. Ho l'impressione che ci sono due imprenditori siciliani che stanno ringraziando il cielo che la nuova legge non sia già in funzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©