Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Una vigliaccata. Non renderò più interrogatori"

Mafia, un proiettile al figlio di Massimo Ciancimino


Mafia, un proiettile al figlio di Massimo Ciancimino
09/08/2010, 15:08

PALERMO - Una lettera di minacce con un proiettile indirizzata al figlio di Massimo Ciancimino, Vitoandrea di 5 anni, è stata recapitata lunedì mattina nell'abitazione palermitana di via Torrearsa, dove risiede la famiglia Cincimino.
LA LETTERA - Nella lettera, scritta a caratteri cubitali, si legge: «Le colpe dei padri infami e traditori ricadranno sui figli. Lei e i suoi complici siete stati avvisati da troppo tempo. Lei e i suoi amici magistrati sarete la causa di tutto». Per Massimo Ciancimino è una «vigliaccata». «Non renderò più interrogatori - ha detto - e chiederò anche il ritiro del mio libro «Don Vito» dal commercio». Proprio questa mattina Ciancimino Junior era atteso in Procura. «Qualcuno mi spieghi se sono questi tutti i vantaggi che ho ricevuto da quando ho iniziato a parlare con i magistrati e a rendere dichiarazioni - dice ancora Ciancimino junior, davanti alla sua abitazione con due agenti di scorta che lo guardano a vista -. Io sono disposto a rinunciare alla mia scorta, ma mio figlio deve restare fuori da tutto questo. Che colpe ha?». Poi, Massimo Ciancimino, sempre con le lacrime agli occhi, si sfoga: «Da quando vengo interrogato, non ho mai chiesto un solo euro di rimborso per i biglietti aerei, eppure mi spetterebbero. Ma io non l'ho mai fatto. Da quasi due anni parlo con i magistrati e rispondo alle loro domande e sempre a mie spese. Per cosa? Per avere lettere di minacce per mio figlio, un bambino innocente di appena cinque anni?».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati