Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

46 voti a favore, 7 contrari e 3 astenuti

Mafie: più vicina legge Ue su confisca dei beni

Ad annunciarlo Monica Macovel

Mafie: più vicina legge Ue su confisca dei beni
07/05/2013, 18:24

BRUXELLES - Con 46 voti a favore, 7 contrari e tre astensioni, la normativa sul congelamento e la confisca dei beni delle mafie e dei gruppi terroristici si avvia verso la fase di trilogo (confronto con Consiglio e Commissione in ruolo facilitatore). Ne ha parlato in una conferenza stampa la relatrice della commissione delle libertà civile del Parlamento Europeo, Monica Macovei. Secondo quanto emerso, la parte della bozza più dibattuta in Commissione riguarda la confisca dei beni senza che il soggetto proprietario sia sottoposto ad arresti. Questo può avvenire in caso di morte, di malattia grave, o di fuga. Ma c'è anche un quarto punto - che senza specificare se con procedura civile o penale - prevede la confisca dei beni se vi è prova che siano frutto di attività illecita. «In questo caso - spiega Macovei - non si segue l'autore dei reati ma si parte dal bene. Si conduce l'investigazione sui soldi. E questo è il futuro. Non ha senso mettere i criminali in prigione e lasciare che tutti quei soldi rafforzino le attività criminali» (secondo Macovei leggi di questo tipo esistono già in Gran Bretagna, Irlanda, Bulgaria e Italia). Nella bozza si raccomanda inoltre che i beni confiscati siano utilizzati per il risarcimento delle vittime, il riutilizzo sociale o per rafforzare le leggi in materia. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©