Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Maietta: da che pulpito viene la predica


Maietta: da che pulpito viene la predica
14/03/2011, 14:03

“E’ il caso di dire da che pulpito viene la predica, cosicchè Pio Del Gaudio farà un nuovo piano commercio (SIAD) contro le aperture dei bar e cioè la liberalizzazione del commercio. A noi basterebbe che l’ex assessore alle attività produttive del centrodestra, successore di Angelo Polverino sia più attento alle aperture dei centri commerciali illegali e al rinnovo di somministrazioni scadute – il presidente di Caserta Bene Comune Giovanna Maietta, interviene sulle dichiarazione del candidato sindaco PDL e ricorda – Il centrodestra con Del Gaudio e Polverino sono responsabili di aver distrutto i commercianti di Parco Cerasola e Centurano e non solo. A causa dell’abusivo centro commerciale Iperion in cui operano gli amici i Del Gaudio chiusero i battenti quasi tutti i commercianti di via Marchesiello. La struttura sorge laddove doveva realizzarsi il Parco Urbano, il centrodestra nella sua spudoratezza e nonostante i contenziosi legali che acclaravano l’abuso Iperion, decise poi un altro centro commerciale davanti palazzo reale, che avrebbe dovuto realizzare Mario Pagano. Una struttura che non ha mai visto la luce grazie anche alle mie denunce. Ma ancora non soddisfatti il centrodestra approvò un piano commercio ancora vigente in cui si decideva un terzo centro commerciale”. Giovanna Maietta tiene a ricordare che anche Angelo Polverino nel suo programma elettorale voleva fare una moratoria di cinque anni per bloccare l’apertura dei centri commerciali e incalza: “La liberalizzazione del commercio è decisa con leggi nazionali è inutile bleffare e vendere fumo, piuttosto è importante ciò che si andrà a programmare attraverso il SIAD (piano commercio) ma soprattutto che tale aggiornamento non implichi le solite manovre clientelari per favorire gli imprenditori del cemento e del commercio. E’ necessario fare una politica di una distribuzione più allargata dei piccoli esercizi commerciali, impedendo il congestionamento del centro cittadino cosi come sta avvenendo soprattutto in Parco Gabriella. E’ altresì importante che si valorizzino e incentivino i piccoli commercianti con semplici interventi. Oggi per esempio gli operatori commerciali già in difficoltà sono gravati dal pagamento del parcheggio mentre la concorrenza (centri commerciali) offrono il parcheggio gratis anche alla clientela. Ma questo è solo la punta dell’iceberg di un problema che si aggrava per fattori esterni ma soprattutto endogeni”.
Giovanna Maietta
Associazione Caserta Bene Comune

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©