Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Chiesta dagli avvocati di Peru la revoca dei domiciliari

Malati Alzheimer torturati, consigliere Pdl respinge accuse

Misure cautelari per medici e parenti delle presunte vittime

Malati Alzheimer torturati, consigliere Pdl respinge accuse
07/08/2012, 17:41

SASSARI - Ha presentato una memoria difensiva e respinto ogni addebito il consigliere regionale Antonello Peru, agli arresti domiciliari da venerdì scorso perché accusato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa nella vicenda legata alle presunte violenze su malati di Alzheimer a Ittiri. Rispondendo per circa due ore al gip del tribunale di Sassari Carla Altieri, Peru ha negato di aver favorito l'Aion, fondata da Giuseppe Dore, il neurologo di Ittiri accusato dagli inquirenti di aver ideato e praticato una “terapia” basata su violenze fisiche e psicologiche su persone affette da demenza e Alzheimer.  I legali di Peru, Marco Enrico e Luigi Esposito, hanno chiesto la revoca degli arresti domiciliari, su cui il gip si è riservato di decidere nelle prossime ore. Le misure cautelari, cinque in carcere e dieci ai domiciliari, erano state decise su richiesta del sostituto Michele Incani per il pericolo di inquinamento delle prove. Tra i destinatari, altri tre medici e molti parenti delle presunte vittime degli abusi. Stamane aveva lasciato il carcere di Sassari la neurologa Marinella D'Onofrio, collaboratrice secondo l'accusa di Giuseppe Dore.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©