Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Malore per i SUB: l'associazione rettifica


Malore per i SUB: l'associazione rettifica
23/03/2010, 11:03

 In riferimento al trattamento iperbarico ricevuto da un gruppo di subacquei casertani, accompagnati da un loro istruttore, dopo una immersione a Bacoli, Gaetano Vassallo, Presidente del “ Consorzio Campano Assodiving Flegreum” ha dichiarato:

“La procedura di emergenza adottata è uno standard richiesto dalle didattiche subacquee nel caso di omessa tappa di decompressione e bene ha fatto l’istruttore a dichiarare l’emergenza.

La professionalità di tutti i diving e di tutti gli istruttori si evidenzia proprio nella capacità di non ritardare l’attivazione della catena dei soccorsi.

Nel caso specifico ci risulta che un nostro diving è intervenuto, garantendo ossigenoterapia ed attivazione dello SME che, a sua volta, ha ritenuto opportuno, in via precauzionale, procedere a terapia iperbarica”.

Il Presidente del Consorzio Campano Assodiving Flegreum ha dichiarato ancora che:

· “l’area dell’immersione non era in zona Parco Sommerso di Baia, come erroneamente da qualcuno dichiarato, dove le profondità sono notevolmente inferiori; “

· “Tutti i subacquei che avevano partecipato all’immersione, dopo appena tre ore erano ritornati alle loro abitazioni senza problemi;”

· “Non vi è stato alcun problema con le bombole che tra l’altro erano piene di aria compressa e non di miscele come erroneamente da qualcuno riferito;”

· “Gli standard adottati da tutti i diving della zona, garantiscono la massima sicurezza nelle immersioni e prontezza e professionalità nella gestione di eventuali emergenze.”

“Proprio questo episodio, con il suo lieto fine, dimostra che lo sport subacqueo, se effettuato negli standard didattici, è sicuro e praticabile da tutti.” 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©