Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La nave si è diretta verso Porto Empedocle

Malta respinge pattugliatore italiano con 69 clandestini


Malta respinge pattugliatore italiano con 69 clandestini
11/05/2009, 21:05

Il pattugliatore Spica della Marina Militare, con a bordo 69 migranti, non ha potuto attraccare nel porto della Valletta ed ha dovuto proseguire verso Porto Empedocle: le autorità maltesi hanno infatti deciso di non concedere l’autorizzazione. La notizia, diffusa dal Times of Malta, è stata confermata poi da fonti della Marina militare.

La Spica, impegnata nell’operazione Sar (Search and Recue), stava rientrando ieri da Tripoli, dove aveva trasferito 163 clandestini, ed aveva ripreso la propria attività di controllo quando si è imbattuta in un altro barcone, con a bordo 69 persone. Il salvataggio è avvenuto a circa 70 miglia a sud di Lampedusa. I clandestini sono stati soccorsi, rifocillati, visitati e vestiti. Poi la nave, non avendo ottenuto l’autorizzazione per attraccare a Malta, ha dovuto dirigersi verso Porto Empedocle.

“Credo che Malta e l’Italia, - ha commentato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, - si trovino nella stessa situazione. Chiediamo entrambi più Europa sulle politiche migratorie e chiediamo che si comprenda che nessuno dei nostri Paesi può accettare le porte aperte alle illegalità e alle clandestinità, mentre accogliamo gli immigrati che vengono da noi per lavorare”.

 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©