Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Donna ferita da un cornicione a Palermo

Maltempo, è l'ora del vento. Due pescatori dispersi

A Pompei crolla l'intonaco del Tempio di Giove

Maltempo, è l'ora del vento. Due pescatori dispersi
22/02/2012, 18:02

Dopo la neve, il vento. Le conseguenze delle forti raffiche che da ieri sferzano su tutto il Sud Italia sono già numerose. Sarebbero dovuti rientrare a casa all’alba di oggi due fratelli pescatori originari di Massa Lubrense. Dei due non si hanno più notizie da quando, nella tarda serata di ieri, sono usciti a bordo di una barca di 3,5 metri per una battuta di pesca nelle acque a largo di Sorrento. Da circa dodici ore nella zona imperversa il maltempo con mare forza 8 e onde alte quattro metri. Nell'area sono in corso ricerche da parte di motovedette della Capitaneria di Porto di Napoli e mezzi aerei della Guardia Costiera e dell'Aeronautica militare. I due fratelli erano partiti dalla Marina di Lobra a Massa Lubrense per una battuta di pesca tra Punta Campanella e Capri. Solo stamani i parenti si sono resi conto che i due non hanno fatto rientro a casa ed hanno dato l’allarme. Il mare al momento è forza 3 ma a rendere difficili le ricerche è il forte vento. Le raffiche stanno inoltre impedendo anche i collegamenti con le isole del golfo di Napoli. Procida da alcune ore non è collegata con la terraferma per le difficili condizioni del mare che impediscono agli aliscafi, ed anche ai traghetti, di entrare nel porto e di fare manovra in sicurezza. A rendere difficoltose le manovre, e quindi ad impedire i collegamenti con l’isola, è il forte vento di grecale. Problemi anche per Ischia. Dal primo pomeriggio sono state sospese tutte le corse veloci da e per Napoli e anche le corse di alcuni traghetti sono state soppresse. Quattro voli provenienti da Bologna, Bergamo, Pisa e Roma e diretti a Palermo sono stati dirottati all'aeroporto di Trapani Virgi a causa del vento che ha raggiunto picchi di 35 nodi. Nella zona sono decine gli interventi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile a causa di cornicioni caduti e alberi divelti. A Palermo una donna è stata colpita da un pezzo di cornicione. Ma le sue condizioni non sono gravi. E, sempre a causa del maltempo, un pezzo di intonaco del Tempio di Giove a Pompei si è staccato. Per fortuna l’episodio non  ha in alcun modo coinvolto la struttura del Tempio. Ma la perturbazione attiva in queste ore su Campania, Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia, continuerà anche domani ad avere i suoi effetti in particolare su Sicilia e zone ioniche. È quanto spiega una nota del Dipartimento della Protezione Civile. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla tarda serata di oggi il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio e temporale in particolare sulla Basilicata. “I fenomeni, accompagnati da forti raffiche di vento ed attività elettrica, risulteranno più intensi e frequenti sui settori ionici”. La Protezione civile continuerà a seguire l'evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile. 
 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©