Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il vento ferma i collegamenti tra la Sicilia e le Eolie

Maltempo, 100 milioni i danni in Toscana


Maltempo, 100 milioni i danni in Toscana
28/12/2009, 21:12

TOSCANA - Dopo l'eccezionale ondata di maltempo dei giorni scorsi, si contano i danni soprattutto nelle regioni maggiormente colpite dalle pessime condizioni atmosferiche che hanno accompagnato il periodo che ha preceduto le festività natalizie. Una prima stima, destinata però probabilmente a crescere, parla di 100 milioni di euro di danni provocati dal maltempo in Toscana nelle province di Lucca e Pisa in primo luogo, e, in minor misura, in quelle di Pistoia, Prato e Massa Carrara.
 Ad annunciarlo il presidente della regione Toscana, Claudio Martini, che oggi ha tenuto una conferenza stampa per tracciare un primo bilancio della situazione. In merito Martini, ha sottolineato come, nelle zone messe in sicurezza in cui negli ultimi anni sono stati effettuate opere di consolidamento, il sistema ha retto senza creare molti danni. Proprio per questo il presidente, rivolgendosi al Governo centrale, ha sollecitato una ripresa degli investimenti nella sicurezza del territorio.
Intanto durante il prossimo Consiglio dei Ministri, sarà dichiarato lo stato d'emergenza per le regioni colpite dal cattivo tempo di questi giorni. La pioggia, le frane e le esondazioni, hanno provocato oltre a milioni di danni anche centinaia di sfollati. A garantirlo, il capo della Protezione civile Guido Bertolaso che oggi ha fatto un sopralluogo nelle zone più colpite di Toscana, Liguria ed Emilia Romagna per predisporre un piano d'intervento be cercare di riportare al più presto la situazione alla normalità.
Se al centro il problema maggiore è stato rappresentato dalla pioggia, al Nord a preoccupare sono frane e valanghe che ancora possono rappresentare un pericolo per la popolazione locale.
Il forte vento, invece, ha reso difficili i collegamenti tra la Sicilia e le isole Eolie: sono, infatti, rimasti fermi i traghetti che da Porto Empedocle e Trapani, raggiungono rispettivamente Lampedusa e Pantelleria

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©